<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> ArcadiA Club - La tartaruga del deserto <% sez_id = 42 immm = "animali" categoria = 11 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "32" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
 
- La tartaruga del deserto -
 
ANIMALI NEL MONDO
IMMAGINE DESCRIZIONE

La tartaruga del deserto
 


La tartaruga del deserto

GRUPPO: rettili e anfibi
ORDINE: cheloni
FAMIGLIA: testudini
GENERE: gopherus agassizii

PESO: dagli 11 ai 23 Kg
LUNGHEZZA: fino a 37 cm

MATURITA' SESSUALE: 14-20 anni
RIPRODUZIONE: inzio estate
INCUBAZIONE: circa 100 giorni
NUMERO DI UOVA: da 2 a 14
INTERVALLO FRA LE NASCITE: 1-3 deposizioni annue

DIETA TIPICA: piante erbacee e cactus
VITA MEDIA: anche 100 anni

CURIOSITA'


NOTE INTERESSANTI

  • Si tratta di una tartaruga escavatrice che con l'evoluzione si è adattata alle condizioni estreme dell'ambiente in cui vive: quello desertico.
  • Passa la sua giornata tra la sabbia e le pietre alla ricerca di materiale vegetale commestibile.
  • Le gallerie che scavano vengono portate avanti molto lentamente: possono volerci anni per fare un tratto di soli 10 cm.
  • Nell'Utah sono state trovate gallerie lunghissime che si presume siano state realizzate in migliaia di anni.
  • I piccoli di tartaruga neonati portano un grosso sacco di tuorlo attaccato al piastrone, riserva nutritiva per i primi giorni.

Habitat Comportamento

Habitat
Il gopherus agassizii vive esclusivamente nei deserti sud-occidentali degli Stati Uniti nelle pianure di bassa quota (circa 1000 m). Preferisce macchie di arbusti basse dal suolo sabbioso o ghiaioso, ma sufficientemente solido perché le tane che prepara siano permanenti. Questi rifugi adibiti tana per il periodo di ibernazione possono essere profonde fino a 10 m e in genere sono scavate sotto cunette; possono inoltre essere condivise da più individui. L'operazione di scavo dura diversi anni ma spesso accade che questa tartaruga utilizzi tane di scoiattoli o altri piccoli animali, semplicemente allargandole.
 

Comportamento
A Nord dell'areale questa specie si muove circa in 40 ettari ma è aggressiva solo se gli invasori si avvicinano eccessivamente alle loro tane. Nella parte meridionale al contrario, non essendoci un periodo di ibernazione e quindi la necessità di una tana, la tartaruga è più nomade e vaga tra un canyon e un letti di un fiume.
Incredibilmente lenta, non può superare i 6 m/min (metri al minuto) di velocità, ma nonostante ciò, la tartaruga del deserto è incredibilmente agile: è infatti in grado di sorpassare ostacoli verticali anche di 30 cm. Per difendersi da sciacalli, felini e corvidi, essa si ritira nella propria corazza attendendo che l'assalitore si ritiri scoraggiato.
 
Nutrimento Riproduzione

Nutrimento
La principale fonte di sostentamento per questa tartaruga sono le scarse macchie di vegetazione presso i letti di corsi d'acqua temporanei. Ivi trova principalmente piante adatte alla siccità, erbe desertiche e cactus. Nell'età adulta, una tartaruga cresce mediamente di un centimetro annuo, ma se un'annata è particolarmente piovosa e ricca di vegetazione questo fattore di crescita può persino raddoppiare.
La natura stessa delle piante di cui si ciba le permette di acquisire l'acqua di cui necessità: infatti piante come i cactus sono formate da un tessuto particolarmente adatto a trattenere i liquidi e ne è quindi molto ricco.
Alcuni esemplari che vivono nel deserto del Mojave sono stati visti adottare una tecnica molto interessante: scavano buche nel terreno per poi tornarvi tempo dopo, quando si sarà accumulata dell'acqua.
Questo animale è in grado di variare il proprio metabolismo a seconda del clima. Ad esempio a Nord dell'areale, per via della rigidità degli inverni la tartaruga del deserto si iberna fino a primavera, mentre a Sud, dove vi è disponibilità di cibo durante tutto l'anno, al massimo e se necessario rallenta il suo metabolismo fino alla crescita di nuova vegetazione.
 

Riproduzione
Il periodo della riproduzione è principalmente maggio: quando il maschio si avventura per i deserti alla ricerca di una compagna, Le lotte tra essi sono frequenti. Una volta avvenuta la fecondazione la femmina scava un buco nel deserto e depone varie uova rigide e traslucide che ricopre attraverso le zampe posteriori.
Le uova si schiudono dopo l'estate, circa a settembre; da questa fase in poi lo sviluppo dei piccoli è del tutto autonomo. Nati sono lunghi circa 4-5 cm e hanno una corazza flessibile corrugata al margine.
A cinque anni la corazza indurirà completamente, ma prima che questo sia possibile molti individui saranno preda di felini e sciacalli. La maturità sessuale arriva circa tra i 14 e i 20 anni; spesso gli esemplari vivono oltre cento anni.
 
IMMAGINI E LINK
LISTA
  • IMMAGINE 1 - Una giovane tartaruga del deserto, si notino gli artigli molto sviluppati rispetto ad un adulto.
  • IMMAGINE 2 - Due maschi di gopherus agassizii  in lotta per l'accoppiamento.
  • IMMAGINE 3 - Crotalo diamantino occidentale mentre fa uso dei suoi sonagli.
<< INDIETRO