<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente Ŕ registrato qua e lÓ, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> ArcadiA Club - L'urlo (Edvard Munch) <% sez_id = 37 immm = "galart" categoria = 2 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "34" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
 
- L'urlo (tecnica mista) -
 
 Analisi critica opera di: Edvard Munch
IMMAGINE DATI GENERALI


CLICCA PER INGRANDIRE

CLICK PER INGRANDIRE
 
L'urlo ("the scream")

Autore: Edvard Munch
Dati tecnici
: olio, tempera e pastello su cartone, 91x73,5cm
Datazione
: 1893
Ubicazione: esposto nella Nasjonalgalleriet di Oslo
CuriositÓ: ne sono state dipinte pi¨ versioni, il titolo originale Ŕ "Der Schrei der Natur"
 

COMMENTI E RIFLESSIONI

Riflessioni

Panico, angoscia, paura. Fin da subito "L'urlo" trasmette inquietudine, l'osservatore ne Ŕ come rapito, risucchiato, quasi depredato della propria stabilitÓ ed equilibrio.  La composizione, fortemente improntata sul pensiero esistenzialista, si propone arricchita da un certo gusto prospettico e vagamente figurativo, le pennellate si estendono rapide, impetuose, ognuna delle parti compositive ha un suo moto: il ponte rigido e lineare, il cielo infuocato da onde luminose, il fiordo mosso da vorticose ellissi. La struttura di legno identifica simbolicamente la linea di divisione tra realtÓ e percezione, tra vita e morte. Mentre i pi¨ guardano la strada (metafora del vivere comune) senza accorgersi degli stravolgimenti che ad un passo nascono, si sviluppano e muoiono, solo l'artista ha la facoltÓ di cogliere ci˛ che sta oltre il recinto, oltre i luoghi comuni; interessante notare che anche chi guarda il quadro viene inevitabilmente incluso nell'area prospettica del mondo comune. Solo una sensibilitÓ pi¨ sviluppata pu˛ cogliere lo "stacco" tra vita e non vita, gli altri, immersi nella banalitÓ del quotidiano (si vedano i due accompagnatori a sinistra), non possono nŔ vedere nŔ capire lo sconvolgimento della scena; i personaggi di sfondo mantengono quindi integralmente sembianze e proporzioni umane. La figura in primo piano ha invece fattezze spaventevoli: un teschio ben visibile, occhi grandi, mani lunghe e ossute, un corpo inconsistente, "spettrale", quasi a voler richiamare l'avvento della morte. Il turbamento di questo protagonista Ŕ tale da fargli spalancare gli occhi, la bocca e urlare; il suono non Ŕ udibile ma inquietante, reso immediato e vivo attraverso l'artefatto della luce che, come un abbaglio, penetra nel profondo della mente dell'osservatore attonito. A partire da questa grave entitÓ Ŕ poi possibile proseguire l'indagine verso l'oscuritÓ: poco pi¨ in alto ci si trova a fronteggiare toni la cui incostante forma attrae ed Ŕ attratta verso un unico inevitabile centro: l'oscuritÓ, la morte. In contrapposizione alle tonalitÓ luttuose passano nella parte superiore, quasi separate, aree caratterizzate da colori molto caldi (giallo, arancione e rosso) simbolo di un dolore intenso e protratto per tutto l'arco della vita (colto in prima persona dal pittore che venne particolarmente segnato dalla sofferenza della sorella, affetta da tubercolosi). Nonostante ci˛ la sofferenza (il rosso) Ŕ quasi completamente separata dal concetto di morte (il nero), come se si trattasse appunto di cielo e terra, consequenziali, adiacenti ma separati. Per dipingere l'opera Munch sfrutta un'occasione offertagli da un fatto realmente accaduto (come egli stesso racconta): mentre passeggiava in compagnia di amici la visione di un cielo rosso sangue e giallo fuoco lo fece trasalire, rimase preda di puro terrore, angoscia; in quel momento aveva sentito il lungo straziato grido della natura, un richiamo tanto intenso da coinvolgere senza possibilitÓ di scampo tutti gli elementi circostanti.

 

<% 'ADV_ORGANIZER 1.1 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,120,90,,,8,,1,0,1,)) %> <% 'ADV_ORGANIZER 1.1 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,728,90,,,7,,1,0,1,)) %>
 
<< INDIETRO by aFiGoZ