<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente Ŕ registrato qua e lÓ, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> ArcadiA Club - Gianfilippo Usellini: the magic library <% sez_id = 4 immm = "articoli" categoria = 6 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "17" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
 
- Articolo -
 
Scritto da: Giancarla Vietti | Discuti sul FORUM
ARTICOLO IMMAGINE


The magic library
Mostra di Gianfilippo Usellini e il 75░ Congresso Mondiale IFLA

 

Bilblioteca Centrale di Milano. Palazzo Sormani. Dal 26 agosto al 10 novembre 2009. Milano inizia a prepararsi all' Expo 2015, ospitando il 75░ Congresso Mondiale dell'IFLA: International Federation of Library Associations:  la voce mondiale della biblioteca e dell'informazione. Saranno esposte edizioni originali dei capolavori storici, espressi in italiano e nelle 7 lingue del convegno Ifla: inglese, francese,tedesco, spagnolo, russo, cinese, arabo. E'comunicazione nella globalizzazione, come atto positivo, come traiettoria costruttiva. La biblioteca, oggi, rappresenta una sfida verso il futuro: da luogo depositario del sapere, a portale di accesso, a garanzia di contenuti affidabili, sempre pi¨ digitale. I temi in discussione saranno, oltre alle tematiche classiche, dal web 2.0 alla biblioteca digitale, dalla tutela del copyright on line, al concetto di open access, dallo studio degli spazi ai progetti delle strutture del futuro. Mauro Guerrini, Presidente dell'Associazione Italiana Biblioteche, vede queste realtÓ, come punti di snodo cruciali per una societÓ tecnologicamente in crescita e, sempre pi¨, multicultura. Luigi Sansone, curatore della mostra, ha presentato nel relativo catalogo, le illustrazioni di autori classici e moderni, eseguite da Usellini, che sono state raffigurazioni su testi di opere classiche della letteratura, da Dante a Boccaccio.

Gianfilippo Usellini

Per celebrare la biblioteca, come istituzione viva di cultura e di (in)formazione, come scrive il Direttore Aldo Pirola, in occasione del Congresso Mondiale Ifla, Ŕ stata scelta l'opera di Gianfilippo Usellini, "pittore milanese, amato dagli scrittori per i suoi contenuti narrativi e teatrali". "Per il suo valore simbolico ed evocativo, il dipinto La biblioteca magica, realizzato negli anni '50, Ŕ stato proposto come titolo della mostra, voluta e allestita lungo lo Scalone monumentale della Sala Grechetto. In quest'opera, sotto la volta di una storica Sala di Consultazione, personaggi storici e letterari, sono rappresentati, mentre dialogano idealmente tra loro, determinando il superamento dei confini spazio/temporali tra i testi della biblioteca, che appartengono alle diverse tradizioni culturali ed aree linguistiche." L'opera suscita lo stupore, che nasce davanti all'arte. Rivela una grande modernitÓ, che vive nello spazio alto, aereo, del dipinto,"prefigurazione di quello virtuale". Icaro e Pegaso volteggiano insieme esprimendo quella complementarietÓ tra mito e scienza, fantasia e tecnologia, cui si pu˛ accedere tra i magici scaffali.   Le Biblioteche Magiche di Usellini, sono pi¨ d'una e si possono ammirare ampiamente all'interno di questa mostra. Esse racchiudono nella vastitÓ della cultura rappresentata, valori ed ideali che l'artista ha approfondito in altri dipinti e che ,con intuitive ed originali figurazioni, lanciano messaggi di alta moralitÓ, di severa, ironica denuncia. "Il sogno del suggeritore, dopo il Faust di Goethe", "La fine dei liberi pensatori", "Le zucche", "La mela atomica", sono i titoli delle opere, che sottolineano, nella maestria della pittura, quanto sia assurdo vivere nella mancanza di libertÓ di pensiero e nella minaccia di deleteri ordigni nucleari. Tanto Ŕ esaltante, quindi, tutto ci˛ che favorisce e incrementa la cultura e il progresso, quanto Ŕ esecrabile tutto ci˛ che lo osteggia e lo distrugge. E' il dramma dell'umanitÓ che deve saper scegliere tra bene e male, in una consapevole riconquista della beatitudine di una pace perduta. Cosý spiega e interpreta Fanny Usellini.

"La fine dei liberi pensatori"

Notevole interesse suscita "La fine dei liberi pensatori". Sulla grande tela, in un'atmosfera di rarefatto silenzio, sono rappresentati semplici tuberi di patata, che iniziano a formare i propri germogli. Nelle curve e nei solchi del tubero ingigantito, magistralmente dipinto, Usellini ha visto la fronte e gli occhi, ossia la mente e lo sguardo, di chi, vivendo prigioniero di un regime totalitario, non ha pi¨ la possibilitÓ di pensare e di esprimersi autonomamente e liberamente. Sullo sfondo, l'orizzonte Ŕ infinito, tra cielo e mare, come simbolo della libertÓ negata, senza la quale, l'uomo non potrÓ mai dare il meglio di se stesso. La prima opera su questo tema Ŕ datata 1959. In questo lavoro si realizza quella universalitÓ e quella perenne modernitÓ, che Ŕ segno distintivo proprio dell'opera d'arte. E' un pensiero figurato vivo oggi, in questo momento, lÓ dove sappiamo esistere regimi autoritari, violentemente negatori della libertÓ. Si pu˛ andare ancora oltre. Usellini rappresenta e pre-sente, giÓ a metÓ del secolo scorso, quella dimensione esistenziale, che Ŕ il perenne rischio radente dell'uomo contemporaneo occidentale. La fine del libero pensiero, la riduzione dell'uomo, non esiste solo all'interno di societÓ apertamente totalitarie. Parliamo di "societÓ manageriali, i cui abitanti, ben nutriti, ben vestiti, vedono soddisfatti i loro desideri e non hanno altri desideri che possano essere soddisfatti, automi che seguono senza essere forzati, che sono guidati senza capi... Questa alienazione ed automatizzazione portano a pazzia sempre crescente. La vita non ha significato, non c'Ŕ gioia, nÚ fede, nÚ realtÓ. Ognuno Ŕ "felice", solamente...non sente, non ragiona, non ama." (Erich Fromm) Il pericolo del passato era che gli uomini diventassero schiavi. Il pericolo di oggi Ŕ quello disegnato da Usellini, su questa tela. La sua denuncia Ŕ politica e sociale. Essa Ŕ silente, ma abbacinante, se non, addirittura, capace di destare un senso di claustrofobia. In un tubero dipinto, dietro quegli occhi, la forza del pensiero trattenuta e costretta, sembra calma, ma Ŕ volontÓ di uscire ed esplodere.

 


Gianfilippo Usellini
 
<< INDIETRO