<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> ArcadiA Club - Poesia: ce, ce poetry <% sez_id = 4 immm = "articoli" categoria = 6 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "17" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
 
- Poesia -
 
Scritta da: aFiGoZ | Invia un articolo | Discuti sul FORUM
POESIA IMMAGINE


Ce, ce poetry

Ti lascio, ti desto, ti strappo,
eppure non ci sei,
no, non sento il tuo calore,
no, i tuoi battiti nascosti, mancano
le frasi non ancora pronunciate.

Aspetto e aspetto e stringo
ciò che di che t'in quale t'in conosce
da tale che fu dentro intenso di vita, ma
appassisce il fuoco al pensiero lucido.

Battiti lontani di tamburi inesistenti,
canti di una foresta nel buio della sera,
pace lenta e inarrivabile nel ventre d'amore,
un capovolto fondo di caffè d'in cui mi specchio,
reale più di me e stupendo.

Tu per conoscermi, desiderio di ferirmi;
dietro, un cerchio che cerchio non rappresenta
perchè metallo di un fuggevole attimo caduto,
senza utile appoggio di urla perse,
nella stanza chiusa, sogni,
di un lontano chiuso che non tace.

Dove tutto accade io ti immagino, cammino solo.
E leggo le lacrime dal viso della tua passione
sulla pelle, che con me si aprirà...

Un respiro che toccandoci...
Catturerà.

Giovedì 6 novembre 2008 - 12.03.11

 


Immagine della poesia
 
<< INDIETRO