<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente Ŕ registrato qua e lÓ, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> GenialitÓ: il meccanismo della divergenza | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 4 immm = "articoli" categoria = 6 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "17" sc_asp = 1 %> <%-- --%> ´╗┐
Articolo
 
´╗┐
<% IF NOT PaginaAAC.NOTITA THEN %> Ingrandisci testo | Stampa testo | Invia ad un amico | Inserisci commento <%End If%>


Articoli GenialitÓ: il meccanismo della divergenza
Cosa distingue il genio da una normale intelligenza logica




Come nasce un genio

<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,120,240,117,,10,,1,1,1,)) %>


 GenialitÓ: il meccanismo della divergenza

Tutto sta nell'errore. Immaginiamo di essere automobili da corsa e i nostri ragionamenti un circuito circolare: seguendo una logica ferrea lo spazio di manovra pu˛ essere ottimizzato in pi¨ modi ma rimane limitato. I nostri parametri sono l'ampiezza della carreggiata, la velocitÓ di percorrenza e la lunghezza del tratto; logicamente, continuiamo ad eseguire sempre la stessa ripetitiva e perfezionata azione che sappiamo fare.

Questo in condizioni normali, ma che cosa accadrebbe se alla guida di una monoposto finisse un "creativo"? Potrebbe decidere di abbandonare il tracciato, di percorrerlo al contrario, di viaggiare sull'erba, in una parola: di rompere gli schemi.

Strade: chi si attiene all'istinto ne ha una sola, chi si attiene alla logica ne ha un numero definito, chi Ŕ folle ne ha di fronte infinite, ma chi ha una mente geniale sa riconoscere tra le infinite quelle plausibili. Il genio si potrebbe definire come la giusta commistione tra follia e logica, un instabile vulcano che, a seconda dei momenti, "crea" o "elabora".

Il discriminante Ŕ dato dalla divergenza, quella capacitÓ di commettere errori di percorso su cui applicare poi una logica. Cosý ci siamo evoluti: a tentativi; perchŔ vi sia uno sviluppo occorre avere idee assurde, dimenticare il passato e abbandonare senza pregiudizi i percorsi giÓ battuti; tra i mille errori in cui si pu˛ incappare si cela la via vincente.

Il genio non Ŕ tuttavia una divinitÓ che giunge ad ogni veritÓ esistente, ha come tutti dei limiti umani, il fatto che la sua ipertrofia cerebrale lo porti ad affrontare questioni pi¨ complesse lo riavvicina inevitabilmente ad una categoria di "menomati". A maggiore materia grigia corrispondono infatti problemi pi¨ complessi e siccome ad essere riconosciuto non Ŕ chi prova ma solo chi riesce, l'impossibilitÓ di raggiungere determinati scopi lascia dietro di se pesanti strascichi.

In un mondo cosý lontano dal comprendere cause ed effetti di una mente pi¨ sensibile delle altre, il genio vive facilmente in situazioni di disadattamento. Tra le persone straordinarie nate e vissute sul nostro pianeta quelle a cui rendiamo merito si contano sulle dita delle mani; mentre alle restanti, nella stragrande maggioranza dei casi, non rimane che la solitudine, lo scherno e l'incomprensione.<% dim autore_file as string = "aFiGoZ" %>


 
´╗┐