<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> Fahrenheit 9/11 | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 4 immm = "articoli" categoria = 6 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "17" sc_asp = 1 %> <%-- --%> 
Articolo
 

<% IF NOT PaginaAAC.NOTITA THEN %> Ingrandisci testo | Stampa testo | Invia ad un amico | Inserisci commento <%End If%>


Articoli Fahrenheit 9/11
Il film di Moore contro l'amministrazione Bush




Fahrenheit 9/11

<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,120,240,117,,10,,1,1,1,)) %>


 Fahrenheit 9/11

Dopo il successo mondiale di "Bowling a Columbine", sulla irrazionale diffusione di armi negli Stati Uniti, l'acuto Michael Moore si dedica a un tema quanto mai spinoso e attuale: il post 11 settembre. Il suo documentario, esplicitamente di parte, si prefigge di fare contro-informazione denunciando i loschi traffici di Bush (George padre nell'ombra, George figlio sotto i riflettori) e del suo staff per difendere i propri interessi personali piuttosto che quelli dei cittadini da cui ha, pardon avrebbe, ricevuto mandato presidenziale. Il punto di partenza è infatti la contestata elezione con cui, per una manciata di discutibili voti, Gore fu sconfitto da Bush. Per poi passare alla tragedia dell'attentato al World Trade Center e a tutti i giochi di potere successivi, fino alla politica del terrore costruita a tavolino per giustificare guerre contro regimi dittatoriali lontani, tra le cui gravi colpe la più cruciale è il prezioso oro nero da cui dipendono sempre più le sorti del mondo. Questa è la trama. Nient'altro.

<%'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,468,60,176,,9,,1,1,1,)) %>

Questo nuovo film documentario di Michael Moore, questo Beppe Grillo, meno acuto, meno caustico e incisivo ma anche più comunicativo e demagogico, d'america. Già perché lo stesso Moore, simbolo di una sinistra che in Italia (dato che solo qua esiste) chiameremmo movimentista, girotondista finisce per essere lui stesso simbolo dell'america che tanto odia. Già, quell'america obesa, figlia di McDonalds, egocentrica e qualunquista, figlia dei media e di tutto ciò che è mediatico.

Tutto il documentario è basato sulla contrapposizione tra Bush e Moore, alfiere della liberta illusoria uno e novello Laoconte l'altro. Moore è stupito di come il mondo non si possa accorgere della bestialità tremenda di Bush, del suo comportamento criminoso e tenta di palesarci ogni sua malefatta.
Che palle!! A parte alcuni suoi lapalissiani errori come quando ci propina che il mefistofelico Walker passa più tempo in vacanza che a compiere il suo dovere di caput mundi citando come fonte il "New York Times" però scordando guarda caso di aggiungere quella nota presente sul più famoso giornale di New York, cioè che nelle vacanze sono conteggiate anche le visite ufficiali di George all'estero, le quali sono tutt'altro che piacevoli vacanze...

Insomma il film è inguardabile e sconsigliabile dal punto di vista contenutistico, senza una buona coscienza critica, zeppo di errori e demagogia ma indubbiamente si riscatta dal punto di vista filmico.
Il film è, come sempre in Moore, ironico e divertente, solo alcuni tratti, soprattutto nel finale tremendo, è fuori ritmo. Questo fa di Moore un grande regista, anche se bisogna indubbiamente considerare l'inferiorità di Fahrenheit 9/11 rispetto a Bowling for Colombine, sicuramente più coinvolgente e sferzante, ritmato e incalzante. Try another time!

 

<% dim autore_file as string = "Jumbe" %> <% author.Autore = autore_file %>