<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente Ŕ registrato qua e lÓ, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> Come trasformare i difetti in pregi | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 2 immm = "love" categoria = 13 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "27" sc_asp = 1 %> <%-- --%> ´╗┐
Consigli sentimentali
 
´╗┐
<% IF NOT PaginaAAC.NOTITA THEN %> Ingrandisci testo | Stampa testo | Invia ad un amico | Inserisci commento <%End If%>


Love Come trasformare i difetti in pregi
Vivere meglio: accettare e superare i propri limiti estetici


<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,336,280,116,,10,,1,1,1,)) %>

Il punto di partenza per affrontare i propri limiti esteriori Ŕ uno solo: aprire gli occhi e constatare che chiunque, uomo o animale che sia, ha dei difetti e dei pregi. Fin troppo spesso capita di mettere a fuoco unicamente le proprie debolezze ed altrettanto unicamente i punti di forza altrui.

Smettiamo di piangerci addosso e passiamo al contrattacco. Dobbiamo capire che la debolezza non Ŕ data dal difetto in se ma dal modo in cui lo affrontiamo e quindi dal modo in cui ci proponiamo in pubblico. Per prima cosa dobbiamo imparare a distinguere due categorie:

  • Difetti superabili - Su quelli superabili (es. pancetta, taglio di capelli, ecc.) non abbiamo scuse, pu˛ volerci tempo e impegno ma possiamo e dobbiamo porvi rimedio; se non ci proviamo significa che non abbiamo a cuore il nostro obiettivo o che comunque Ŕ una prioritÓ inferiore (in questo caso non ha senso lagnarsi).
     
  • Difetti "insuperabili" - Per difetti "insuperabili", o comunque molto complessi da superare (es. quelli che richiederebbero l'intervento di un chirurgo), la soluzione Ŕ affrontarli a viso aperto, accettarli, esporli liberamente e convertirli in una caratteristica solo nostra.

Proprio dai difetti "insuperabili" partiamo perci˛ ad esporre dei comportamenti e dei modi di pensare utili a migliorare i nostri rapporti sociali:

  • Accettare - Il primo passo Ŕ guardarsi addosso fino a capire che che non c'Ŕ fattore estetico che pu˛ precludere il nostro accesso al mondo. Guardiamoci allo specchio e scopriamo cosa ci piace di noi, impariamo a sorriderne, ad esserne fieri.
     
  • Esporsi - I difetti o si eliminano o si espongono, cercare maldestramente di nasconderli peggiora esponenzilamente la situazione: non esiste nulla di peggio di ci˛ che si intuisce ma non si vede; coinvolgiamo i limiti in un nostro equilibrio, in uno stile, armonizziamoci con loro.
     
  • Imparare da altri - Guardiamoci attorno e scopriamo nuovi modi di porci, prendiamo spunto da chi, con i nostri stessi "problemi", Ŕ riuscito a crearsi una vita sociale che ci aggrada (amici parenti, star, ecc.).
     
  • Attaccare - Se ci troviamo in ambienti ostili, iniziamo ad "attaccare": in primo luogo noi stessi con dell'autoironia e, in casi di estrema necessitÓ, ad evidenziare simpaticamente i difetti altrui; nessuno aggredisce chi si colpisce da solo e tanto meno chi dimostra di saper colpire efficacemente gli altri.
     
  • SinceritÓ - Se ci fanno del male non preoccupiamoci di dirlo, se noi appariremo "sensibili", chi ci ha aggredito capirÓ che ci sta facendo del male e magari la smetterÓ, o comunque lo capiranno le persone che gli stanno attorno svalutandone l'attendibilitÓ.
     
  • Simpatia - Per compensare una mancanza esteriore Ŕ utilissimo impiegare un po' di simpatia. Avere sempre pronta qualche battuta efficace, la risata facile e tanta positivitÓ fanno crollare qualsiasi pubblico.
     
  • Mai dare soddisfazione - Capire gli obiettivi dei/delle decerebrati/e che ci dileggiano Ŕ facile, una volta compresi non facciamoci mai umiliare o "mettere sotto": disilludiamoli e sorprendiamoli. Mai dare a vedere che ce la siamo presa o che comunque hanno raggiunto il loro obiettivo.
     
  • Pregi - Mettiamo in evidenza i nostri pregi non vantandoci con le parole ma dimostrandoli con i fatti e aiutando chi ha difficoltÓ in quei campi dove noi eccelliamo.
<% dim autore_file as string = "aFiGoZ" %> ´╗┐<% author.Autore = autore_file %>

 
´╗┐