<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente Ŕ registrato qua e lÓ, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> Amore: come dire di no? | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 2 immm = "love" categoria = 13 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "27" sc_asp = 1 %> <%-- --%> ´╗┐
Consigli sentimentali
 
´╗┐
<% IF NOT PaginaAAC.NOTITA THEN %> Ingrandisci testo | Stampa testo | Invia ad un amico | Inserisci commento <%End If%>


Love Amore: come dire di no
Le parole giuste per lasciarsi o rifiutare un corteggiamento


<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,336,280,116,,10,,1,1,1,)) %>

In campo sentimentale a chiunque capita di ricevere dei "no" e allo stesso tempo di doverne dare, questo Ŕ normale, ci˛ che invece risulta interessante notare Ŕ che queste negazioni non sempre vengono recepite come tali; quante volte in amore:

  • Un silenzio si trasforma in un "non mi dice di no, ho una possibilitÓ".
  • Un "no" poco deciso diventa un "tentenna, forse mi vuole".
  • Un "no" deciso muta in un "non mi ha capito del tutto".
  • Un "non saprei" si trasforma in un "ci sono quasi".

In una parola si insiste. Pur di non accettare la realtÓ dei fatti si applicano scuse, giustificazioni o bugie vere e proprie. Il tutto mentre ci sembra di essere stati/e fin troppo chiari/e con chi dall'altro lato rifiutiamo. Da una parte applichiamo emozione/istinto, dall'altra non riusciamo a capacitarci del perchŔ di tanta insistenza.

Ebbene il problema dell'attrazione Ŕ proprio questo: non si spegne mai con due semplici lettere ("no"), occorre opporgli una forza e una determinazione molto grande, anzi, perchŔ abbia effetto Ŕ necessario cambiare l'opinione che ha di noi chi da noi Ŕ appunto attratto/a. A tale proposito, cercheremo in questo articolo di analizzare atteggiamenti e conseguenze dei comportamenti pi¨ comuni; eccoli:

  • Deridere - Solo quando riceviamo un "no" ci accorgiamo di quanto pu˛ essere penoso e triste esserne vittima. La scelta pi¨ sbagliata in assoluto Ŕ (inutile dirlo) banalizzare un sentimento deridendolo; in questo modo si ingenera nella vittima dello scherno vera e propria frustrazione. Evitiamo l'umiliazione (se non per la persona in questione almeno per noi), non Ŕ altro che terreno fertile per vendette, perdite di controllo o conseguenze psicologiche anche gravi.
     
  • Lasciare il dubbio - Chi lascia passare del tempo senza affermare la propria avversione/repulsione all'avvio di un rapporto sentimentale si espone ad altri rischi: il "minore" Ŕ quello di creare inutile illusione/sofferenza nell'innamorato/a, il peggiore quello di far nascere un'ossessione (con ovvi rischi di vario genere). Contrariamente a quanto si pu˛ pensare, un'ossessione pu˛ nascere molto facilmente,: non vi Ŕ infatti desiderio pi¨ grande di quello che presenta difficoltÓ e tarda a realizzarsi.
     
  • Un "no" chiaro e deciso - Un "no" che non lascia spazio a dubbi, istantaneo ed onesto rappresenta in molti casi il male minore; come Ŕ ovvio la persona in questione ne soffrirÓ ma, perlomeno, non gli/le daremo occasione e tempo di costruire i cosiddetti "castelli per aria". Se non ci troviamo di fronte ad una persona a cui teniamo, Ŕ in genere il miglior compromesso. Certo non aspettiamoci che basti un solo "no".
     
  • Dare una "possibilitÓ" - Talvolta costa davvero poco accettare un'uscita nella quale, a seconda dei casi, si pu˛ convincere indirettamente la persona in questione di non essere fatti l'uno per l'altra (o perchŔ no, scoprire inaspettatamente di esserlo); se a quattrocchi non ci si trova bene Ŕ anche possibile accentuare la propria condizione di insofferenza con comportamenti poco piacevoli; l'ideale sarebbe insomma dimostrarsi una compagnia noiosa, banale, con cui non c'Ŕ nulla da condividere.

L'ultima tecnica Ŕ l'unica che funziona davvero e in tempi brevi, comporta un certo sacrificio di tempo e orgoglio ma chiude ogni dubbio su di noi; l'unico accorgimento Ŕ non essere in alcun modo sfacciati/e, altezzosi/e o peggio cattivi/e, si tratta di atteggiamenti che affascinano moltissime persone (tanto pi¨ chi giÓ ha una "cotta" per noi).

Va detto infine che, i discorsi fatti in precedenza, hanno comunque due presupposti imprescindibili: primo, la persona in questione Ŕ davvero innamorata (non vuole insomma solo sesso), secondo, la persona Ŕ affidabile (non si corrono rischi di alcun genere a starle insieme). In caso di estranei o persone poco raccomandabili (che naturalmente non ci interessano) Ŕ importante sfoggiare un sorriso cordiale, non essere in alcun modo scortesi e affermare con calma decisione un "no" senza scampo e spiegazione.

<% dim autore_file as string = "aFiGoZ" %> ´╗┐<% author.Autore = autore_file %>

 
´╗┐