ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
cinema_tv.htm   Cinema e TV - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- Non è un paese per vecchi -
 
Recensione film
IMMAGINE FILM DATI TECNICI

Locandina film
 





 


Non è un paese per vecchi
(Stati Uniti, 2007)

Regia: Ethan Coen | Joel Coen
Genere: Thriller
Colore: Colore
Durata:
122 minuti
Voto
: 7/10

Premi e nomination:
Oscar come miglior film | Oscar per la miglior regia | Oscar al miglior attore non protagonista (Javier Bardem) | Oscar come miglior sceneggiatura non originale | 8 nomination per gli Oscar | Golden Globe come miglior attore non protagonista (Javier Bardem) | Golden Globe per miglior sceneggiatura | 3 National Board of Review Awards | 2 Kansas City Film Critics Circle Awards | 3 Premi BAFTA | 1 Saturn Award | 1 David di Donatello | 4 Ioma

Interpreti del film (cast):
Tommy Lee Jones | Javier Bardem | Josh Brolin | Woody Harrelson | Kelly MacDonald.

Note:
Il film è ispirato all'omonimo romanzo di Cormac McCarthy.
 

 Immagini e video del film  Trama e commenti


Spezzone del film







Immagini tratte dal film

Immagine film 1 Immagine film 2 Immagine film 3







Trama

Anni '80: la violenza dilaga nelle desolate lande del confine Texas-Messico. Un moderno cow boy sta cacciando in mezzo al nulla ma ad un tratto scorge in lontananza delle auto e dei cadaveri. C'è stata una sparatoria tra corrieri della droga, uno scambio fallito. Llewelyn Moss si avvicina con cautela, sono tutti morti tranne un messicano che chiede aiuto da dentro ad un furgoncino. Oltre all'uomo Moss trova poco distante anche i soldi dello scambio: milioni di dollari. Gli è impossibile resistere, abbandonato l'uomo, il cow boy li prende e fugge, sa di stare rischiando grosso ma tutto fila "liscio". Giunto a casa l'uomo organizza una rapida fuga oltre il confine con la sua donna. All'avidità dimostrata a caldo si viene tuttavia ad aggiungere il rimorso per aver abbandonato un moribondo. Nottetempo Llewelyn decide così di tornare  sul luogo del misfatto per rimediare al suo egoismo. L'errore gli è fatale, viene scoperto dai proprietari del denaro e dall'antagonista: un killer spietato e folle che uccide per mezzo di un maglio. Ha così inizio un'emozionante e combattuto inseguimento a colpi di determinazione e astuzie. Ad cercare di evitare il massacro vi è invece uno esperto sceriffo ormai troppo disilluso per riuscire a contrastare il male che dilaga intorno a lui.

Riflessioni

Brutalità, desolazione, disillusione e follia: queste le componenti che, di primo acchito, saltano all'occhio dello spettatore: ma non è un caso. Ogni aspetto della pellicola è un ingrediente utile ad ottenere un concentrato amaro ma con una prospettiva. Non ci troviamo di fronte ad un elogio irresponsabile di una violenza "estetica", non c'è quasi alcuna ironia, c'è invece un notevole messaggio sociale se non addirittura morale. Per quanto ci si possa difatti esaltare per la spietata logica azione-reazione di Anton Chigurh (il killer armato di maglio) si deve ammetterete che persino un irriducibile come lui non può che soccombere alla moltitudine di stimoli incontrollati ed incontrollabili. Non c'è modo di dominare le interazioni del mondo, non ci riesce chi pratica il male come logica, chi lo pratica come reazione e nemmeno chi lo rifiuta. La conclusione di ogni essere vivente è sempre e comunque la morte: siamo parte di un sistema di concause su cui non possiamo avere controllo. La nostra grandezza non è quindi nel contenere la morte, questo è impossibile, bensì nel decidere della nostra vita, di come ne affrontiamo i risvolti positivi e negativi. Altro aspetto che si evidenzia è il fatto che non è l'oggi ad essere malato, non è il mondo che sta andando via via alla deriva ma ciascun singolo che rinuncia a lottare nel suo tempo e nel suo spazio. McCarthy e i fratelli Coen sembrano insomma volerci dire che occorre lottare anche se non si è in grado di cambiare le cose, che occorre preservare l'innocenza e il desiderio di migliorare senza avere nulla in cambio.

Pro - Buona originalità | Notevole suspance | Interessante l'idea di escludere del tutto la musica.

Contro - Sistema narrativo complesso | Il personaggio dello sceriffo non è inserito nella storia con la stessa efficacia del libro.

Approfondimenti

  • n/a

 

<< INDIETRO by aFiGoZ  


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "paese".
Visualizza video sull'argomento "vecchi".
Visualizza video sull'argomento "non e un paese per vecchi".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: