ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
filosofia.htm   Filosofia - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- La Grande Depressione e la Seconda Rivoluzione Industriale -
 
APPUNTI DI STORIA
Dopo anni di forte crisi, un fortissimo sviluppo nel campo industriale, tecnologico e scientifico.


Immagine appunti
 


LA GRANDE DEPRESSIONE E LA BELL'EPOQUE

Verso il 1873 vi fu una forte diminuzione dei prezzi dei generi alimentari e dei prodotti industriali, di conseguenza diminuirono i profitti, aumentò la disoccupazione e con essa il malessere; per questi motivi iniziano a scoppiare rivolte contadine (ad esempio in Irlanda, Sicilia e Spagna) e comincia a diffondersi l'ideologia socialista. Già nel 1864 nasce a Londra il primo partito socialista: l'Associazione Internazionale dei Lavoratori, voluta da Marx e Bakunin (russo, fondatore dell'ideologia anarchica). Essa organizzava la lotta contro il capitalista oppressore; nel 1889 nacque la Seconda Associazione Internazionale a Parigi.
Ma perché i prezzi erano scesi? Il costo del grano era calato del 30%, quello del ferro si era dimezzato, portando gli imprenditori a disinvestire; chiusure o limitazioni portano a licenziamenti di massa, per questo molta parte del popolo si ribellò o scelse la via dell'emigrazione. Hobsbawm, storico marxista, parla di una crisi di sovrapproduzione (overproduction): i mercati erano ormai saturi. Questo ovviamente non stimolava gli investimenti. Già in quegli anni si gettarono le basi della globalizzazione: si aveva infatti una grande interdipendenza economica e velocità nei trasporti (si pensi navi a vapore e al canale di Suez del 1869). Tutto ciò portò ad un afflusso di merci sempre maggiore, ad esempio dalle great plains statunitensi, canadesi, australiane e russe. Inoltre nel 1880 furono introdotti per la prima volta concimi chimici che permettono di aumentare le rese.
Dal 1896 in poi i prezzi ripresero a salire e di conseguenza gli investimenti, ridando respiro all'economia e provocando netti miglioramenti nella vita del borghese e in misura minore anche in quella del popolo minuto. Comincia la Bell'Epoque.

SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE E GLOBALIZZAZIONE

In questo periodo ebbe anche iniziò l'età imperiale, coinvolgendo inizialmente Stati Uniti, Giappone e stati europei. Non solo, si ebbe anche una seconda rivoluzione industriale.  Iniziarono infatti a circolare nuove merci, prese avvio l'età del petrolio, della chimica, dell'elettricità (foto, cinema, automobili).
Nel campo della produzione industriale vennero introdotte nuove tecniche per strutturare il lavoro in modo da risparmiare tempo e denaro:

  • fordismo: struttura della tipica catena di montaggio, i tempi sono dettati dalla macchina, vi è un risparmio energetico;
  • taylorismo: impongo a tutti gli operai il tempo cronometrato del miglior dipendente;

Si giunse così ad una massiccia produzione di nuove merci. Nel 1885 nacque il motore a scoppio grazie a Dimler e Benz; Dunlop poco dopo inventa i pneumatici. In Italia fu prodotta la prima FIAT in grado di raggiungere i 35 km/h, nacque il telefono, il rasoio. Nel 1895 i fratelli Lumière inventarono il cinematografo e allo stesso tempo Marconi trasmise via radio per la prima volta. Nel 1903, i fratelli Wright, compirono il primo volo. Le distanze così si accorciarono, è un mondo nuovo.
Altra caratteristica fondamentale della seconda rivoluzione industriale è la fine del monocentrismo industriale inglese, che, fino al 1780, era l'officina del mondo (workshop of the world), unico o di gran lunga principale centro industriale del mondo. A questo punto nuovi paesi avevano raggiunto la piena maturità industriale e cominciarono il decollo (take-off) industriale. Si passa ad una struttura con molti centri, in particolare nel 1900 USA e Germania riuscirono ad eguagliare l'Inghilterra nella produzione del ferro.
In Italia il decollo iniziò nel 1896 nel Nord Italia (1899 fondazione della FIAT). Anche il Giappone negli ultimi decenni dell'Ottocento ebbe uno sviluppo industriale enorme. Giappone, USA e Germania sono i cosiddetti second comers (secondi arrivati).
In questi anni prende avvio una fortissima tendenza monopolistica, i capitali si concentrano, si formano colossi industriali il cui obiettivo è il monopolio in un certo bene/settore. Qui nascono i trust, enormi imprese nate dalla fusione di più aziende o dall'assorbimento di minori, il cui obiettivo, anche in questo caso, è il monopolio. In realtà nessuna di esse raggiunge i fini proposti, ma si viene però a formare un oligopolio, pochi trust che competono tra loro.
Nascono anche i cartelli (soprattutto in Giappone e in Germania), ovvero accordi tra aziende formalmente indipendenti sui prezzi per limitare la concorrenza. Trust e cartelli limitano molto la libera concorrenza, sopprimono nuove aziende. Comincia ad emergere negli USA una legislazione anti-trust: la prima fu introdotta nel 1890, lo Sherman Act che mirava a rendere più concorrenziale il mercato del petrolio (in particolare contro la Standard Oil Company).
Trust e cartelli avevano inoltre così grandi risorse finanziare da poter praticare il dumping (letteralmente buttar giù), ovvero vendere sottocosto all'estero per sbaragliare la concorrenza. Avevano anche potere sul governo, facendo pressione per attuare politiche protezionistiche, nacquero così le lobbies, ovvero gruppi di pressione che agiscono in parlamento e al governo per tutelare gli interessi della grande industria. Fare guerra, alzare le tariffe doganali e così via.

 

<< INDIETRO by VeNoM00  


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "grande".
Visualizza video sull'argomento "depressione".
Visualizza video sull'argomento "seconda".
Visualizza video sull'argomento "rivoluzione".
Visualizza video sull'argomento "industriale".
Visualizza video sull'argomento "grande depressione seconda rivoluzione industriale".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: