ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
filosofia.htm   Filosofia - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- Il concetto di totalitarismo -
 
APPUNTI DI STORIA
Le radici del totalitarismo e la concezione di Todorov...


Immagine appunti
 


IL CONCETTO DI TOTALITARISMO


Il termine, pare, sia stato introdotto nel 1923 dal liberale antifascista Giovanni Amendola, che su IL MONDO attaccava il metodo e il "sistema totalitario" usato dai fascisti per costringere i cittadini italiani a votare nelle elezioni amministrative di quell'anno. Don Sturzo riprese il neologismo di Amendola, e così Lelio Basso, per indicare l'uso spregiudicato dello Stato e del monopolio statale della forza al fine di imporsi su tutta la società civile.

Il termine viene poi adottato dallo stesso Mussolini quando, in un discorso del giugno 1925, definisce in positivo il fascismo come "una feroce volontà totalitaria". Da questo momento il termine conosce una fortuna enorme. Tutti cominciano ad utilizzarlo, dandovi connotazioni positive o negative.

Finita la seconda guerra mondiale, sono gli ambienti liberali (in particolar modo quelli statunitensi) a usare il vocabolo per indicare quella forma di potere assoluto, tipica della società di massa, che pretende di controllare in modo capillare tutta la società civile (economia, arte e cultura, tempo libero etc.) in nome di una ideologia onnicomprensiva e in base all'uso combinato di terrore e propaganda.

Importantissimo è stato, al riguardo, lo studio di Hannah Arendt, "Le origini del totalitarismo" (1951), che ha visto nell'imperialismo e nell'isolamento psichico e sociale,  e nel senso di estraniazione dell'individuo nella società di massa le condizioni essenziali per la nascita del totalitarismo, esperienza propria ed esclusiva del Novecento.

In generale si può dire - seguendo anche la lezione di C. Friedrich e Z. Brzezinskj (in DITTATURA TOTALITARIA E AUTOCRAZIA, 1965) - che i caratteri del regime totalitario sono:

  1. L'essere regime a partito unico (vietati tutti gli altri partiti politici); il partito unico tende a identificarsi con lo Stato, a 'occuparlo' (in tutte le sue cariche e i suoi uffici burocratici); il regime mono-partito è guidato da un capo 'infallibile' (alcuni autori - non tutti - lo definiscono 'capo carismatico'), che si presenta come il salvatore della nazione (fascismo), della razza (nazismo), degli sfruttati di classe (stalinismo);
     
  2. Il dittatore, il 'capo' (il 'Duce', il 'Führer', il 'Vozhd' etc.) è il diffusore e il 'sacerdote' di una ideologia politica (rozza, semplicistica, 'manichea', facilmente comprensibile dalle masse) che chiede agli individui di lottare per uno scopo supremo (la salvezza della razza ariana o la vittoria del proletariato) sino al punto di ammettere la possibilità e/o la necessità di sacrificare la propria vita per esso.. Tale ideologia propone in un'epoca secolarizzata e scettica una nuova fede di tipo 'millenaristico': la fede in una società perfetta che verrà realizzata quanto prima su questa terra. E' una sorta di 'religione politica' che offre agli individui dei miti comunitaristici (ricordate il tema della GEMEINSCHAFT?) basati sull'idea della 'comunità' (di razza o di classe o di popolo) e sul superamento della solitudine degli individui estraniati,  dispersi e disperati nella società di massa;
     
  3. Il regime totalitario cerca di ottenere il consenso delle masse, di mobilitarle attraverso le sue organizzazioni. Dunque esso certamente ricorre al terrore (Ceka e G.P.U. sovietiche; Gestapo e SS naziste, OVRA fascista), ma non solo! Esso cerca anche di controllare la psicologia delle masse mediante la propaganda e il monopolio dei mezzi di comunicazione di massa. Le masse sono chiamate (da cinema, radio, stampa etc.) a intervenire attivamente (ma sempre in forma subordinata e mai autonoma) a sostegno delle iniziative del regime. In questo senso, si dice, le masse vengono 'mobilitate'. Per questo il regime totalitario si differenzia dal semplice (e più rozzo) regime 'autoritario', che usa il terrore e non ricerca la mobilitazione delle masse (ad esempio, il regime di Crispi in Italia o Pinochet in Cile o Franco in Spagna);
     
  4. I regimi totalitari tentano di dirigere e pianificare l'intera economia, cancellando la libera iniziativa dei privati;
     
  5. I regimi totalitari devono trovare nemici (ebrei, kulaki, nazioni capitaliste, nazioni e Stati comunisti) per tener deste le paure della società civile e organizzare il consenso; questi regimi finiscono, per loro natura, per scatenare conflitti. Essi detengono il monopolio delle forze armate. 

Dunque, il regime totalitario nega le libertà civili, politiche ed economiche. E' l'esatto contrario della democrazia liberale; è demagogico, non democratico; è plebiscitario, non parlamentare (per un totalitario, il Parlamento è un luogo di corruzione e malaffare ai danni della nazione o della classe o della razza, la cui voce e il cui interesse sono sempre e solo rappresentati dal capo carismatico, unico depositario della verità). Per aver idea di cosa sia la democrazia, basta leggere a rovescio i sei-sette caratteri che ho indicato. Ma innanzitutto, la democrazia è - come dice Hans Kelsen (1881-1973) "un sistema in cui non c'è un capo infallibile", cioè in cui i capi politici possono sempre essere destituiti (senza far ricorso alla violenza) perché li si riconosce (e, teoricamente, si riconoscono) fallibili. Democrazia liberale, l'unica vera forma di democrazia (secondo Giovanni Sartori). 

Secondo questa definizione, forme storiche di totalitarismo sono stati il nazismo e lo stalinismo (e, forse, in misura minore, il fascismo, giudicato da molti un "totalitarismo imperfetto" perché incapace di sottomettere completamente la società civile italiana, vista anche la autonomia formale di monarchia e chiesa cattolica rispetto al fascismo, e considerata la grande influenza di casa Savoia e del papa sugli italiani. E' tesi della Arendt e di De Felice) 

Per molto tempo la categoria interpretativa del 'totalitarismo' è stata rifiutata dalla cultura marxista perché la si accusava di mettere sullo stesso piano il nazismo e il regime sovietico (la cui ideologia era marxista-leninista). Ma ormai anche a sinistra il termine si è largamente affermato.

TOTALITARISMO: LA DEFINIZIONE DI TZVETAN TODOROV

(da Memoria del male, tentazione del bene, Garzanti Elefanti, Milano, 2001 - ed. originale francese 2000). 

Il Novecento è il secolo del totalitarismo, "la grande innovazione politica del secolo e [...] un male estremo" (p. 9). "Il secolo stesso si abbrevia un po': il suo periodo centrale va dal 1917 [scoppio della rivoluzione bolscevica] al 1991 [fine dell'Urss], anche se bisognerà risalire indietro e, per altro verso, interrogarsi sul suo ultimissimo decennio" (p.9).

 Nel primo capitolo, IL MALE DEL SECOLO, Todorov dapprima definisce la nostra democrazia liberale come sistema politico che garantisce due princìpi:

  1. L'autonomia della collettività, cioè il principio per cui "la collettività vive sotto leggi che essa stessa si è data" (p.17); in questo senso autonomia della collettività (il suo auto-governarsi), 'democrazia' e 'sovranità del popolo' "sono termini affini";
     
  2. L'autonomia dell'individuo, cioè la necessità di difendere e proteggere le esigenze degli individui (anche dai poteri della maggioranza, del popolo etc.): lo Stato deve porsi al servizio del cittadino, di tutti i cittadini e - come avrebbe detto J. Locke - tutelare i suoi diritti naturali: libertà, proprietà, vita.

 Dunque la democrazia liberale è il sistema politico che - per tutelare le esigenze individuali - sostiene e impone il pluralismo (politico, religioso, economico, etnico etc.). Ad esempio,  "La democrazia è un regime laico, non ateo; non esige che i suoi cittadini smettano di credere in Dio, essa domanda loro soltanto di chiudere le loro credenze nello spazio della vita privata e di tollerare che quelle del vicino siano differenti" (p.21"). Il pluralismo, poi, "richiede una pluralità di organizzazioni politiche, chiamate partiti, fra i quali il cittadino può scegliere liberamente. E anche quando, nel corso delle elezioni, uno dei partiti conquista il potere, i partiti sconfitti, divenuti opposizione, hanno ugualmente dei diritti" (p.22).

[Insomma, aggiungo io,  come ricorda anche K. Bracher in IL NOVECENTO. Secolo delle ideologie ( Laterza, Roma-Bari, 2001, pp. 308-9 ) uno dei criteri fondamentali per individuare le democrazie liberali, le uniche democrazie possibili, è il riconoscimento del "ruolo irrinunciabile delle opposizioni", che - anche se politicamente sconfitte - non vengono annientate, ma continuano in parlamento a svolgere funzione di voce critica etc. nei confronti delle forze di governo; a differenza dei totalitarismi, che invece chiedono e impongono l'unanimismo politico etc.]

Certamente, però, il pluralismo, che limita il potere politico impedendogli di divenire assoluto e assicura l'autonomia dell'individuo, è a sua volta limitato. "mentre lo stato [liberal-democratico] non impone nessun ideale di vita buona ai propri cittadini, [...] esso punisce coloro che esaltano la violenza o quelli che praticano la discriminazione etc. [e vogliono imporre agli altri un unico - il loro - ideale di felicità].

Certo, "non tutto è perfetto" nei regimi democratico-liberali (p. 23). Certamente, alcune critiche spesso svolte dai conservatori (e anche dai sostenitori del totalitarismo) nei confronti delle democrazie liberali hanno un loro fondamento, in particolare la critica secondo cui  "la società [del pluralismo etc.] è minacciata dall'atomizzazione. Gli stati democratici, profetizzano i conservatori, sono stati popolati di solitari infelici" (pp.23-24)

 Eppure, solo le democrazie liberali, con tutti i loro limiti, garantiscono la male ben più terribile del totalitarismo. 

Il totalitarismo è una risposta (assassina) ai mali della 'società dei solitari infelici'. Il totalitarismo, in tutte le sue varianti (nazismo, comunismo) offre una via di fuga dalla solitudine e dall'isolamento in cui si trovano gli individui che vivono nelle società di massa governate dalle democrazie liberali.

Todorov, parlando della figura straordinaria di Margarete Buber-Neumann (giovane comunista reclusa poi a sua volta prima nei campi di concentramento sovietici come pericolosa dissidente, poi nei lager nazisti come ebrea comunista durante la seconda guerra mondiale, una donna che ha compreso le affinità terribili di nazismo e comunismo, e il loro osceno carattere totalitario, e ha scritto PRIGIONIERA DI STALI E DI HITLER, 1948) ebbene, Todorov afferma: "una volta in mezzo agli altri simpatizzanti è cioè una volta entrati in un movimento totalitario] il nuovo aspirante beneficia di numerosi vantaggi. Innanzitutto, il fatto di fare parte di una comunità, mentre fino a quel momento ha sofferto dell'isolamento proprio della società individualista. Adesso migliaia di altre persone diventano vostri prossimi, vostri "fratelli" [...] Il sentimento di appartenenza a un movimento collettivo permette di sormontare la maledizione della solitudine Un altro vantaggio deriva dal fatto che si possiedono certezze [quelle offerte dalla nuova fede politica totalitaria] " (p.117). In questo senso, Todorov precisa che "Gli strateghi del totalitarismo si sono rivelati migliori antropologi e migliori psicologi" (p.44).

In questo, nella proposta di folli e omicidi miti comunitari, sta il fascino del totalitarismo e la sua forza di 'richiamo', aggiungo io.

E dunque, cos'è il totalitarismo? Qual è il suo ideal-tipo, il modello teorico di totalitarismo che noi possiamo costruire per 'leggere' e chiarire la realtà dei totalitarismi?

  • a) Todorov comincia con il dire che lo stato totalitario respinge apertamente il principio dell'autonomia dell'individuo, e nega il pluralismo in tutte le sue forme. (p. 24). La "grammatica del totalitarismo non conosce che due persone: il noi, che ha assorbito ed eliminato le differenze fra io individuali, e gli essi, i nemici da combattere [gli ebrei, le razze inferiori, i borghesi capitalisti etc.]" (pp.52-53). L'io individuale non conta più nulla, nei sistemi totalitari. Egli deve conformare le sue credenze, i suoi gusti e le sue amicizie a ciò che il regime totalitario impone. Al pluralismo il regime totalitario sostituisce il monismo politico (sinonimo di totalitarismo).
     
  • b) Tale regime monistico sottomette l'economia alle sue esigenze: fine libertà economiche; nazionalizzazione/pianificazione del'economia.
     

  • c) Esso instaura un regime a partito unico.
     

  • d) Esso è ostile alle religioni tradizionali , a meno che non facciano atto di vassallaggio nei suoi riguardi.
     

  • e) Le masse vengono sottomesse ai membri del partito unico, subordinati a loro volta al capo supremo o "guida".
     

  • f) Il regime controlla tutti i media e ha il monopolio dell'educazione. (pp.24-25)

[Dunque, niente di nuovo rispetto alle definizioni classiche di 'totalitarismo', in Todorov]

Todorov poi precisa taluni aspetti 'totalitari':

Ogni autonomia individuale, di pensiero e di azione è condannabile, perché solo il partito può avere ragione. Chi mostra autonomia di pensiero deve essere eliminato, anche se fa parte dello stesso movimento.

Quanto all'altro principio, quello dell'autonomia della collettività, lo stato totalitario afferma di volerlo mantenere ma in realtà lo svuota: la sovranità del popolo è mantenuta solo sulla carta; di fatto tutto viene deciso dal partito (che dice di voler agire per il bene del popolo) e dal capo infallibile. Si proclama l'uguaglianza dei fratelli [di razza o proletari] ma di fatto si riproducono gerarchie e privilegi, quelli dei dirigenti del partito (nazista o comunista).  L'opposizione tra democrazia liberale e totalitarismo è netta e irriducibile in tutti gli aspetti e i principi elencati! (pp.27-28)

Ed eccoci al punto più interessante: la forza d'attrazione del totalitarismo (in tutte le sue varianti) sta nel fatto che, dice Todorov, "Il totalitarismo contiene una promessa di felicità. E' vero che non la mantiene, ma la promessa rimane lì.[...] La democrazia liberale non comporta una simile promessa; essa si impegna solo a promettere a ciascuno di cercare da sé felicità, armonia e pienezza. Nel migliore dei casi, essa assicura [solo] la tranquillità ai cittadini  [...] essa non promette la salvezza" (p.29). Insomma, i totalitarismi promettono alla società dei "solitari infelici" una salvezza immediata nella costruzione di una nuova e perfetta comunità di fratelli. I totalitarismo promettono la realizzazione in terra della società perfetta (attraverso la eliminazione di tutti quei gruppi di 'nemici' che vi si oppongono').

 Invece lo stato democratico-liberale, sapendo (come diceva Kant) che l'uomo è "fatto di un legno particolarmente storto", non pretende di imporre a tutti i suoi cittadini un ideale di felicità e di realizzarla sulla terra; si limita a permettere e garantire che tutti cerchino a loro modo la loro felicità, senza impedire agli altri di fare altrettanto. La liberal-democrazia non ritiene che l'uomo sia perfettibile, che si possa realizzare una società perfetta: basterebbe impegnarsi per rendere l'umanità un po' meno imperfetta (idea sostenuta dal liberale Joachim Fest in IL SOGNO DISTRUTTO; idea che Todorov sembra riprendere dallo stesso autore, a mio giudizio). Chi pretende di voler realizzare la perfezione in terra deve poi scontrarsi con la realtà umana e farle violenza, aprire i campi di concentramento, ammazzare il prossimo. Spero di essermi spiegato!

Todorov continua e precisa: "La promessa di felicità per tutti permette di identificare la famiglia a cui appartiene la dottrina totalitaria [...] Il totalitarismo teorico è un utopismo. A sua volta [...] l'utopismo appare come una forma di millenarismo, cioè di un millemarismo  ateo." (p.29). Il millenarismo è un movimento religioso in seno al cristianesimo (un'eresia' che promette ai credenti la salvezza in questo mondo, qui e subito: prima del Giudizio Universale, Cristo tornerà sulla terra e darà vita al 'regno dei mille anni' assieme a tutti i giusti (gli umili, i poveri, gli offesi etc.). Il millenarismo si diffuse in età medievale (v. gli apostolici di frate Dolcino nel Novarese; i seguaci di Hus, i taboriti; i seguaci di John Ball in Inghilterra al tempo della grande rivolta contadina del 1381 - ricordate?!.

A differenza del millenarismo medievale, l'utopismo totalitario si diffonde in un'epoca caratterizzata da fortissima secolarizzazione (si crede assai poco nel dio delle religioni tradizionali), e "consiste nel voler costruire una società perfetta con i soli sforzi degli uomini, senza alcun riferimento a Dio. [...] Le dottrine totalitarie sono casi particolari di utopismo e [...] millenarismo, il che significa che esse derivano (come ogni altra dottrina della salvezza) dal campo della religione. [...] una religione senza Dio" (pp. 30-31).

Dunque, le dottrine totalitarie sono 'religioni politiche' o come anche si dice 'politiche della fede', che richiedono entusiasmo e dedizione totale ai nuovi 'credenti'. E' chiaro?

Ma, per finire su questo punto, ecco la conseguenza inevitabile di ogni dottrina e ogni movimento politico totalitario: in quanto utopismo, il totalitarismo "tenta di introdurre l'utopia [cioè il sogno del migliore dei mondi , del mondo perfetto] nel mondo reale. L'utopismo è necessariamente legato alla costrizione e alla violenza [...] perché, pur sapendo che gli uomini sono imperfetti, cerca di instaurare la perfezione qui e ora" (p.30)

Dunque, la logica del totalitarismo (nazista, fascista o comunista) conduce inevitabilmente ad ammazzare gli uomini, al dispotismo. Questo è il punto!!!!!!!!

Todorov inoltre distingue l'utopia ("che può servire a nutrire la riflessione e a criticare il mondo esistente" - p.30 - e in questo svolge una funzione positiva di cui anche il sistema democratico-liberale ha bisogno per modificare con cautela e nel rispetto dei diritti umani gli aspetti negativi della vita sociale - p.43) dall'utopismo, che è il folle e feroce tentativo di 'realizzare il sogno' della perfezione; che è delirio di presunzione, un delirio che si trasforma in omicidio perché non si limita a criticare il mondo alla luce di un modello ideale, ma vuole adeguare la realtà, forzandola, al modello. Chiaro?

ULTIMO PUNTO. La base concettuale dell'utopismo totalitario e del suo millenarismo ateo è - dice Todorov - lo scientismo, cioè una dottrina formulata nel corso dell'Ottocento soprattutto negli ambienti positivisti.

Secondo questo modo di pensare, che si fonda su una esaltazione ingenua e acritica della scienza positiva (=le scienze empiriche, fisica, chimica, biologia etc.), si ritiene che i sapienti (gli scienziati) possano giungere a conoscere in maniera definitiva e certissima le leggi che dominano il mondo umano, e che essi possano prevedere gli sviluppi della storia umana e delle varie società.

Questo modo di pensare assurdo e folle, che non tiene conto di fattori come la libertà dell'uomo nel decidere del suo futuro, e quindi della possibilità di mutare la storia in modo imprevedibile (cfr. p.36) i sapienti potranno, conoscendo le leggi del mondo umano, modificare a loro arbitrio la realtà, plasmarla, creare l'uomo nuovo nazista (il purissimo ariano biologicamente selezionato, costruito nelle scuole per SS, dopo aver espunto dal suo sangue ogni traccia di inferiorità genetica dopo aver ammazzato ebrei e sottomesso slavi etc.) o comunista (l'uomo che finalmente si è liberato dello sfruttamento capitalista, dopo aver annientato il nemico, e finalmente vivrà in pace con i suoi fratelli in una società priva di proprietà privata ed egoismo etc.).

Insomma, secondo la mentalità scientista di cui si nutre l'utopismo totalitario, "la salvezza è apportata dal sapere" (p.32).

Si sviluppa così quella che il sociologo Zygmunt Bauman (in MODERNITA' E OLOCAUSTO, 1989 - libro bellissimo che vi consiglio) ha chiamato "la cultura moderna del GIARDINAGGIO": i capi totalitari si considerano dei sapienti depositari della verità che, nel tentativo di creare la società perfetta considerano la società umana come un giardino da cui "strappare le erbacce" (i capitalisti, i kulaki, gli ebrei, gli zingari etc.). I genocidi moderni sono, per Bauman, "lavori di giardinieri" (p.136 dell'opera citata).

Certamente Marx si considerava uno scienziato sociale, e i capi bolscevichi, in quanto marxisti, si ritenevano sapienti depositari della verità assoluta sul futuro dell'umanità; certamente i capi nazisti ritenevano di essere i salvatori della razza ariana in quanto conoscitori della 'scienza biologica' (il raqzzismo era considerato una dottrina scientifica.

Ma - dice Todorov - lo scientismo non ha nulla a che vedere con la scienza; è una falsa visione della scienza, e anzi esso può addirittura bloccare la libera ricerca scientifica.

Dunque, Todorov (che certamente conosce il lavoro di Bauman) conclude che il totalitatismo in quanto scientismo è una forma di anti-umanismo!

PER CONCLUDERE IN SINTESI

Per Todorov, il totalitarismo è una forma di monismo politico anti-democratico, un utopismo millenaristico ateo che si basa sulla presunzione dello scientismo.

<< INDIETRO by prof. Mario Gamba  


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "totalitarismo".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: