<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> Burzum - Burzum e Aske EP | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 44 immm = "musica" categoria = 8 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "31" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
- Burzum -
Immagine Album Track list
Burzum - Burzum e Aske EP Burzum Aske EP

Gruppo: Burzum
Genere: Black Metal
Etichetta: Misantrophy Records
Data d'uscita: 1992
Voto: 7,8

1. Feeble Screams From Forests Unknown - 2. Ea, Lord Of The Depths - 3. Black Spell Of Destruction - 4. Channelling The Power Of Souls Into A New God - 5. War - 6. The Crying Orc - 7. My Journey To The Stars - 8. Dungeons Of Darkness - 9. Stemmen Fra Taarnet - 10. Dominus Sathanas - 11. A Lost Forgotten Sad Spirit
 
RECENSIONE



<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,300,300,,,9,,1,0,1,)) %>


<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,300,300,,,8,,1,0,1,)) %>



Il disco, uscito in ristampa unito al raro EP "Aske", rappresenta l'esordio di Varg Vikernes e, sebbene sia distinto da poca maturità musicale, è espressione completa di un uomo a quell'epoca ancora fortemente influenzato da una scena musicale oscura e occulta. Esso è stato infatti prodotto da Oystein Aarseth alias Euronymous, leader dei Mayhem e proprietario della fallimentare casa discografica Deathlike Silence Productions.
"Burzum" si apre con "il" pezzo di Varg Vikernes: "Feeble Screams from Forests Unknown". Il brano, ricco di parti veloci in blast beat e parti più lente, secondo l'autore racchiude in sè tutto il significato di Burzum. Ogni altra canzone non è che un "corollario" di questo pezzo.
Si passa a un altro pezzo violento e veloce "Ea, Lord of the Depths" (non "Ea, Lord of the Deeps", come aveva scritto erroneamente Euronymous nella prima edizione del full lenght) . Poesia e oscurità: ecco le parole che riassumono il contenuto del brano.
Segue a un pezzo lento e ripetitivo, "Spell of Destruction". Sebbene il brano appaia quasi doom nelle sue ritmiche, esso rimane nei limiti del black metal per la sua cupa atmosfera fredda e decadente.
Si passa poi al brano strumentale "Channelling the Power of Souls into a New God". Tre minuti di solo sintetizzatore che produce non musica, ma un suono distante ed evocativo, tanto quando il sussurro che alla fine sospira "Worship me" (venerami) .
Dopo questa "pausa di riflessione" ecco un brano veloce ma ossessionante. Il più dinamico brano di "Burzum" e uno dei più suonati dalle cover-band, principalmente per la sua grande semplicità di esecuzione (solo due riff per tutto il brano. Per fortuna esso dura non più di 2 minuti e mezzo) . Da ricordare che l'assolo alla fine del brano è stato suonato da Euronymous.
Segue un altro brano strumentale, "The Crying Orc". La chitarra, come sempre distortissima, produce un breve ma intenso lamento, strozzato e funereo.
Con "My Journey to the Stars" il disco raggiunge l'apice. Il brano, veloce e diretto, ma non per questo breve, non lascia respiro all'ascoltatore, ma lo porta completamente in un'altra dimensione, fino in fondo all'abisso.
Il brano seguente, "Dungeons of Darkness", appare più come un pezzo "noise", disturbante e oscuro ai massimi livelli. Difficilmente ascoltabile e non di certo apprezzabile da un pubblico di "metalheads".
Sarà "Stemmen Fra Taarnet" ad alzare il tono. Il brano di fatto fa parte dell'EP Aske, e preso di per sè, è il brano migliore dell'EP. La consueta ripetitività domina il brano, e lo rende ipnotico al punto di portare quasi in trance l'ascoltatore.
Il brano che segue, "Dominus Sathanas", è triste e lento, quasi come i pezzi che furono alla base dell'ispirazione per il funeral doom.
"A Lost Forgotten Sad Spirit" chiude il disco. Esso è un brano pieno di passaggi da mid-tempos a parti veloci, fino a ritmi lentissimi, e proprio per questo si classifica come uno dei più oscuri del disco. Il testo aiuta certamente a rendere l'idea.
In conclusione, "Burzum-Aske" è un disco ancora immaturo, ma non per questo vuoto di poesia. Esso è un esordio che promette molto bene. E la promessa verrà mantenuta.
 


<< INDIETRO