<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> ArcadiA Club - HTTP | Introduzione al protocollo HTTP: una richiesta GET <% sez_id = 18 immm = "programmazione" categoria = 1 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "16" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
 
- Introduzione al protocollo HTTP -
 
COSA SERVE PER QUESTO TUTORIAL
 Chiedi sul FORUM | Glossario cognizioni generiche sul funzionamento del web
Teoria di HTTP e una prima richiesta GET

UNA PRIMA RICHIESTA HTTP
Creazione di una connessione TCP tra client e server tramite telnet e invio di una richiesta HTTP

Tra le conoscenze di uno sviluppatore web dovrebbe sempre campeggiare quella del protocollo HTTP (come tutti sappiamo acronimo di Hyper-Text Transfer Protocol), sul quale, più o meno consapevolmente, si basa la totalità del suo lavoro. In questo articolo tenteremo di riassumerne i caratteri principali e quelli più utili al web-developer. Per prima cosa bisogna dire che HTTP è un protocollo di comunicazione standard (per ulteriori dettagli consultare le specifiche ufficiali RFC) di cui esistono diverse versioni, ad oggi esistono la 1.0 e la 1.1. HTTP/1.1 aggiunge varie novità tra le quali principalmente vi è la persistenza della connessioni (vedremo tra poco di cosa si tratta). HTTP/1.0 è invece ormai obsoleto e quasi tutti i moderni browser e server web supportano la versione 1.1, per questo motivo in questo articolo si farà riferimento alla versione più recente.
HTTP si basa su TCP, protocollo di livello inferiore che permette di creare una connessione tra due macchine, una in attesa (in listening, il server web in questo caso) e una che effettua la connessione (il client, il browser web). TCP identifica le macchine coinvolte in una connessione tramite i loro indirizzi IP (es. 209.85.135.103) e la porta su cui avviene la connessione. La porta è un numero compreso tra 1 e 65535 e in genere ad ogni servizio corrisponde una porta, ad esempio per HTTP è in genere 80, per FTP la porta 21 e così via.
È un po' come una casa (il server) in cui vi sono varie porte numerate che fanno accedere a stanze dove ci viene offerto un servizio differente (la porta 80 per il web, la porta 21 per il trasferimento di file via FTP ecc.): noi (ovvero il nostro browser-client) bussa presso una porta, dietro la quale vi è una persona che ci attende (in ascolto, listening), quando ci apre iniziamo la nostra discussione (abbiamo così stabilito la connessione).
Ulteriori dettagli su TCP non sono oggetto di questo articolo, ritorniamo dunque ad HTTP. Per vedere come funziona una connessione HTTP ci connetteremo al nostro server web (locale, ma anche se fosse in remoto basterebbe sostituire a arcadi67.startlogicmysql.com il dominio del sito) sulla porta 80 e gli invieremo dei dati. Per fare questo avviare il server web, e poi dal prompt dei comandi (Start, Esegui, digitare cmd e dare conferma) scriviamo quanto segue:

telnet arcadi67.startlogicmysql.com 80

Questa semplice sintassi richiamerà il tool telnet che ci permette di effettuare una connessione TCP a arcadi67.startlogicmysql.com (ovvero il nostro server locale) sulla porta 80. Formuliamo ora dal Blocco Note la richiesta HTTP più semplice possibile e incolliamola nel prompt dei comandi (click destro, Incolla):


GET /pagina.htm HTTP/1.1
Host: arcadi67.startlogicmysql.com



Analizziamo brevemente la richiesta che abbiamo effettuato: GET indica il tipo di richiesta (ne vedremo in seguito altre), lo slash è il path, il percorso della pagina richiesta (in questo caso dunque, la pagina principale del sito, corrisponde all'URL http://arcadi67.startlogicmysql.com/pagina.htm) e HTTP/1.1 indica che è una richiesta HTTP versione 1.1. Di per sé questo GET sarebbe già sufficiente, ma poiché su una stessa macchina (o meglio su uno stesso IP) possono essere configurati più siti è necessario specificare quello a cui ci si riferisce tramite il parametro Host. In questo caso si suppone che esista un sito configurato sotto il nome arcadi67.startlogicmysql.com.
Nota: dopo ogni richiesta HTTP si devono trasmettere due ritorni a capo (ovvero due sequenze di caratteri CR e LF), per permettere all'interlocutore (il server) di capire che la richiesta è stata completata e che può quindi elaborarla per poi inviare una risposta.

IL RESPONSO DEL SERVER
Status code, codici di errore, Content-Type, Content-Length, encoding e compressione

Una volta incollato quanto sopra riportato il server ci invierà una risposta di questo tipo:


HTTP/1.1 200 OK
Server: Microsoft-IIS/5.1
Content-Type: text/html; charset=iso-8859-1
Content-Length: %LunghezzaPagina%
Content-Encoding: identity

%ContenutoPagina%

Nota: ogni server web invia in genere molti più parametri (ad esempio se si utilizza ASP .Net è probabile che ci sia X-Powered-By: ASP.NET), qui vengono riportati solamente quelli essenziali.
Prima di tutto troviamo riportata l'indicazione della versione di HTTP utilizzata (in questo caso HTTP/1.1), seguita da un codice numerico di tre cifre e un breve messaggio testuale. Il codice numerico di tre cifre, lo status code serve al server per comunicare al client se l'operazione richiesta ha avuto successo o meno. Gli status code si dividono in 5 categorie: la prima di informazione (100-199), la seconda messaggi di successo o conferma (200-299), la terza di redirezione di vario genere (300-399), la quarta di segnalazione di un errore del client (400-499) e la quinta per gli errori del server (500-599).
Tra gli status code che è importante ricordare vi sono:

  • 200 OK: la pagina esiste e sta per essere restituita con successo;
  • 301 Moved Permanently: spostato permanentemente, un redirect verso un'altra pagina;
  • 302 Found: pagina trovata, altra forma di redirect;
  • 307 Temporary Redirect: pagina spostata temporaneamente, forma di redirect temporanea;
  • 400 Bad Request: la richiesta non è stata formulata correttamente da parte del client;
  • 401 Unauthorized: autenticazione fallita, accesso negato;
  • 403 Forbidden: accesso negato alla risorsa;
  • 404 Not Found: risorsa non trovata, l'indirizzo non esiste;
  • 408 Request Timeout: timeout, la richiesta ha impiegato troppo tempo per essere elaborata e per questo è stata interrotta;
  • 500 Internal Server Error: in genere indica un errore da parte del linguaggio lato server (come potrebbe essere ASP .Net o PHP) ma potrebbe anche essere dovuto ad un errore del server web (IIS, Apache o altri);
  • 503 Service Unavaiable: il sito web è momentaneamente fuori servizio, in genere per questioni di manutenzione;

Ne esistono poi diversi altri per ogni categoria, per ulteriori dettagli riferirsi all'RFC di HTTP.
Dopo versione HTTP e status code abbiamo una serie di parametri.
Server, che indica quale e che versione del web server si sta usando (in questo caso Microsoft Internet Information Services 5.1).
Il parametro Content-Type ha una certa importanza perché specifica il MIME-type della risorsa richiesta (come text/html, image/jpeg, image/gif e tanti altri ancora) e nel caso sia testuale la codifica con cui interpretarla (ad esempio ISO-8859-1, ovvero Latin-1, UTF-8, UTF-16 o altri).
Content-Length indica la quantità di dati che sta per essere inviata in byte, ad esempio 1024 indicherà che la pagina (o più in generale la risorsa) che si sta per scaricare peserà 1 Kb.
Infine, se presente, il parametro Content-Encoding indica come e se è stato compresso il responso della richiesta. I possibili valori sono identity (il responso non è compresso), gzip (formato GNU Zip), compress (LZW) e deflate (zlib). Comprimere l'output può offrire un notevole risparmio di banda, ammesso che il client supporti questa funzionalità (su come questo venga determinato si discuterà più avanti).
Dopo questa serie arbitrariamente lunga e varia di parametri il server invierà due ritorni a capo e la quantità di byte specificata dal parametro Content-Length: si tratta dell'HTML della pagina, oppure dei dati che compongono l'immagine, il video o altro.

UNA TIPICA RICHIESTA GET
I più frequenti parametri HTTP

Vediamo ora una richiesta da parte del client un po' più articolata, ad esempio una tipica richiesta GET di Firefox:


GET /pagina.aspx?valore1=contenuto&valore2=contenuto2 HTTP/1.1
Host: arcadi67.startlogicmysql.com
User-Agent: Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.1; it; rv:1.8.1.12) Gecko/20080201 Firefox/2.0.0.12
Accept: text/xml,application/xml,application/xhtml+xml,text/html;q=0.9,text/plain;q=0.8,image/png,*/*;q=0.5
Accept-Language: it-it,it;q=0.8,en-us;q=0.5,en;q=0.3
Accept-Encoding: gzip,deflate
Accept-Charset: ISO-8859-1,utf-8;q=0.7,*;q=0.7
Keep-Alive: 300
Connection: keep-alive

Sulla prima riga di questa richiesta non ci sono grandi novità tranne il fatto che questa volta sono stati passati due valori (valore1 e valore2) tramite l'URL, il cui contenuto può essere determinato con $_GET['valore1'] in PHP o Request.QueryString("valore1") in ASP .Net. La parte dell'URL che segue il punto interrogativo (?) è chiamata query: se presente, contiene una lista di coppie nome-valore separate da una E commerciale (&). Nomi e valori sono separati dal simbolo di uguale.
Analizziamo e vediamo il significato dei parametri che sono mandati dal client.
User-Agent è un parametro che comunica al server che browser (o più in generale, client) e quale versione si sta utilizzando; questo dato è importante, oltre che per fini statistici anche per restituire responsi differenti e specifici per un client rispetto ad un altro. Come si può vedere la stringa dell'user-agent, oltre a informazioni su nome e versione del browser, contiene vari dati tra i quali anche alcuni riguardanti il sistema operativo in uso e la lingua del browser.
Accept comunica al server quali MIME type il browser è in grado di accettare; la lista è separata da virgola e può contenere anche informazioni riguardanti una sorta di indice di preferenza del MIME in questione. Ad esempio text/html;q=0.9 indica che il formato text/html è preferenziale rispetto a text/plain (text/plain;q=0.8) dato che il valore di q è inferiore. Si noti che */* indica qualsiasi MIME type e così pure in seguito l'asterisco sarà da considerarsi con il valore di "tutti i valori possibili".
Accept-Language funziona similarmente a Accept ma al posto di MIME type sono specificati i codici di un cultura accettati (it-it, solo it, en-us, en-uk, en-au o altri ancora), sempre con rispettivi indici di preferenza.
Accept-Encoding comunica al server quali formati di compressione è in grado di accettare, in questo caso gzip e deflate.
Accept-Charset indica quali codifiche di carattere il browser è in grado di interpretare e quali preferisce. In questo caso Firefox preferisce ISO-8859-1 (ovvero Latin-1), ma se non disponibile accetta parimenti UTF-8 con una preferenza di 0,7 o qualunque altro con la stessa preferenza.
Il parametro Connection indica al server se, una volta inviato il responso, debba tenere aperta (valore keep-alive) oppure chiudere (valore close) la connessione TCP; in questo caso la connessione deve rimanere aperta.
Infine il parametro Keep-Alive specifica il timeout dopo il quale la connessione verrà chiusa: è un valore in secondi che devono trascorrere dall'ultima richiesta effettuata.
 

<< INDIETRO by VeNoM00