<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> ArcadiA Club - HTML | Tutti gli elementi di HTML 4.01 <% sez_id = 18 immm = "programmazione" categoria = 1 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "16" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
 
- Gli elementi di HTML 4.01 -
 
COSA SERVE PER QUESTO TUTORIAL
Chiedi sul FORUM | Glossario un editor di testo
Spiegazione e dettagli su tutti gli elementi di HTML

LISTA ELEMENTI E TAG
Gli elementi HTML dalla A alla VAR.

Gli elementi previsti in HTML 4.01 sono i seguenti:

  • A: elemento anchor, crea un collegamento ipertestuale sul suo contenuto che porta all'URI specificato nell'attributo href; inoltre, se dotato di attributo name funge da segnalibro (un identificatore di posizione) all'interno della pagina HTML raggiungibile tramite un URI come http://www.sito.com/pagina.htm#nameDellAnchor;

  • ABBR: indica che il testo che contiene è un'abbreviazione (ad esempio "dott.", "ecc.", "ing." e così via) la cui forma estesa può essere specificata nell'attributo title;

  • ACRONYM: indica che il testo che contiene è un acronimo (come WWW, HTTP, AVIS e così via) la cui forma estesa può essere specificata nell'attributo title;

  • ADDRESS: indica che il testo che contiene sono informazioni di contatto correlate con il documento o con una parte di esso;

  • APPLET (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): include una applet Java, il suo utilizzo è oggi sconsigliato in favore dell'elemento OBJECT; il testo contenuto deve essere ignorato dai browser che supportano Java;

  • AREA (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): definisce un'area di una mappa di un'immagine (deve essere contenuto in un elemento MAP); l'area può essere un rettangolo, un cerchio o un poligono (attributo shape) le cui dimensioni sono specificate tramite l'attributo coords; se dotata di attributo href indica un collegamento ipertestuale per quell'area dell'immagine;

  • B: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato in grassetto;

  • BASE (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): elemento che stabilisce tramite l'attributo href l'URI da cui partire per risolvere gli URI relativi invece dell'URI della pagina corrente (comportamento predefinito); è anche possibile specificare l'attributo target per indicare il frame verso il quale i link di default punteranno;

  • BASEFONT (elemento vuoto, nessun tag di chiusura, deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): imposta tramite l'attributo size la dimensione predefinita del testo in relazione alla quale gli elementi FONT si comporteranno (il che vuol dire che un elemento FONT con size uguale a 2 sarà reso come la grandezza specificata in BASEFONT più 2);

  • BDO: disattiva l'algoritmo della direzione di lettura del testo delegando la sua gestione al contenuto;

  • BIG: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato a grandi dimensioni;

  • BLOCKQUOTE: indica una citazione lunga, ovvero un paragrafo (in opposizione all'elemento Q che è utilizzato per le citazioni in-line); in genere questo elemento è reso come un paragrafo con un rientro; l'attributo cite può essere utilizzato per inserire un URI di riferimento alla fonte della citazione;

  • BODY (tag di inizio opzionale, tag di chiusura opzionale): indica il corpo del documento che conterrà tutto ciò che dovrà essere letto, disegnato e così via;

  • BR (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): forza la terminazione di una linea di testo;

  • BUTTON: elemento che indica un pulsante come quelli creati tramite INPUT ma che permette un contenuto grafico avanzato, è possibile ad esempio inserire immagini, formattazione e altro; come per l'elemento INPUT è possibile specificare name, value e type (submit, reset e button);

  • CAPTION: appena dopo l'apertura di un elemento TABLE indica una descrizione per il contenuto della tabella

  • CENTER (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): corrisponde esattamente ad un DIV con attributo align su center;

  • CITE: indica che il testo che contiene è una citazione o un riferimento ad altre fonti;

  • CODE: indica che il testo che contiene è un frammento di codice di ambito informatico;

  • COL (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): posto all'inizio di una tabella indica una serie di attributi comuni per tutte le celle di una colonna; gli effetti di uno stesso elemento COL possono essere estesi a più colonne tramite l'attributo span;

  • COLGROUP (tag di chiusura opzionale): posto all'inizio di una tabella indica una serie di attributi comuni per tutte le celle di una colonna; gli effetti di uno stesso elemento COLGROUP possono essere estesi a più colonne tramite l'attributo span; questo elemento al contrario di COL raggruppa più colonne, infatti è possibile stabilire un comportamento generico per un certo numero di colonne e poi sovrascriverlo tramite un sottoelemento COL;

  • DD (tag di chiusura opzionale): indica che il testo che contiene è la definizione del termine contenuto nell'ultimo elemento DT; deve essere contenuto in un elemento DL;

  • DEL: indica che il testo che contiene è stato eliminato durante una revisione del documento; è possibile specificare l'ora della modifica e un URL con le motivazioni rispettivamente tramite gli attributi datetime e cite;

  • DFN: indica che il testo che contiene è una definizione;

  • DIR (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): definisce una lista di cartelle a più colonne, in pratica del tutto corrispondente a UL;

  • DIV: definisce un elemento blocco (al contrario di SPAN che è in-line) senza caratteristiche particolari; utile per aggiungere struttura, raggruppare e quindi formattare tramite CSS;

  • DL: crea una lista di definizioni formata da coppie di elementi DT e DL;

  • DT (tag di chiusura opzionale): indica che il testo che contiene è un termine che sarà definito tramite un elemento DD; deve essere contenuto in un elemento DL;

  • EM: indica che il testo che contiene deve essere messo in evidenza (in genere è reso tramite il corsivo);

  • FIELDSET: raggruppa elementi di un form di un certo tipo (ad esempio potrebbe raggruppare la caselle di testo necessarie per specificare un indirizzo); è possibile specificarne una descrizione aggiungendo il sotto-elemento LEGEND; i FIELDSET sono in genere resi dai browser come un riquadro dotato di titolo (il testo contenuto in LEGEND appunto); deve essere contenuto in un elemento FORM;

  • FONT (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): specifica dimensioni (attributo size), colore (attributo color) e carattere (attributo face) del testo contenuto;

  • FORM: contiene una serie di controlli (caselle di testo, caselle a discese, pulsanti, liste e così via) che creano una serie di coppie nome-valore che verranno inviate al server all'URL specificato nell'attributo action secondo le modalità dell'attributo method e con la codifica dell'attributo accept-charset; per ulteriori informazioni fare riferimento all'articolo sui form;

  • FRAME (elemento vuoto, nessun tag di chiusura, solo nel DTD Frameset): indica un frame, ovvero una parte della pagina (in alto, in basso, a desta, a sinistra ma anche in maniera più articolata) in cui viene caricato l'URL specificato nell'attributo src; deve essere contenuto in un elemento FRAMESET;

  • FRAMESET (solo nel DTD Frameset): elemento che raggruppa più frame assieme e può contenere se stesso, serve in sostanza per dividere la pagina in più riquadri a loro volta divisi in frame;

  • H1: indica un blocco contenente un titolo di primo livello (il più importante);

  • H2: indica un blocco contenente un titolo di secondo livello;

  • H3: indica un blocco contenente un titolo di terzo livello;

  • H4: indica un blocco contenente un titolo di quarto livello;

  • H5: indica un blocco contenente un titolo di quinto livello;

  • H6: indica un blocco contenente un titolo di sesto livello (il meno importante);

  • HEAD (tag di inizio opzionale, tag di chiusura opzionale): elemento che contiene meta-informazioni sul documento HTML come il titolo, l'autore, parole chiave e così via; deve sempre essere presente e contenere un elemento TITLE;

  • HR (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): indica una linea orizzontale;

  • HTML (tag di inizio opzionale, tag di chiusura opzionale): elemento principale di qualunque documento HTML che deve contenere un elemento HEAD e un elemento BODY;

  • B: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato in corsivo;

  • IFRAME (solo nel DTD Transitional): indica un frame non ancorato, ovvero un riquadro in cui deve essere caricato l'URL specificato nell'attributo src; al contrario di un elemento FRAME (che indica una specifica parte della finestra), un IFRAME può essere posizionato ovunque come un qualsiasi elemento blocco;

  • IMG (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): indica un'immagine, che viene specificata nell'attributo src; è obbligatorio specificare un breve testo alternativo nell'attributo alt;

  • INPUT (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): indica un campo di input di vario tipo (nascosto, testuale, testuale per password, casella a discesa, lista, casella di opzione, upload di file) oppure un pulsante (normale, per l'invio di un form o per resettarne i campi);

  • INS: indica che il testo che contiene è stato inserito durante una revisione del documento; è possibile specificare l'ora della modifica e un URL con le motivazioni rispettivamente tramite gli attributi datetime e cite;

  • ISINDEX (elemento vuoto, nessun tag di chiusura, deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): elemento che crea una casella di testo con opzionalmente un testo descrittivo (attributo prompt); quando l'utente digita un testo nella casella e preme invio viene reindirizzato all'URL corrente con query-string (la parte dell'URL dopo il punto interrogativo) il testo in questione (es. http://www.arcadiaclub.com/pagina.htm?testoDigitatoDallUtente);

  • KBD: indica che il testo che contiene è un input dell'utente (in genere è reso con un carattere a larghezza fissa);

  • LABEL: indica che il testo che contiene è un'etichetta da associare al controllo (tipicamente una casella di opzione) con ID uguale a quello specificato nell'attributo for (in genere permette di attivare il controllo cliccandoci e viene circondata da una rettangolo tratteggiato);

  • LEGEND: all'interno di un elemento FIELDSET permette di specificarne il titolo che verrà in genere reso in alto a destra interrompendo il bordo del riquadro;

  • LI (tag di chiusura opzionale): indica un elemento di una lista (sia essa una lista ordinata OL o una lista non ordinata UL);

  • LINK (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): all'interno dell'elemento HEAD, indica un collegamento tra un documento e un altro; il collegamento è definito da un URL specificato nell'attributo href; i tipi di collegamenti possono essere vari e uno stesso tipo di link può apparire più volte con indirizzi diversi per dispositivi diversi tramite l'attributo media (ad esempio è possibile associare un foglio di stile diverso per un proiettore, per un cellulare, per un sintetizzatore vocale e così via); i tipi di collegamenti (specificati tramite l'attributo rel) possono essere fogli di stile, relazioni del tipo "pagina successiva", "pagina precedente", "indice", "appendice" e così via; è inoltre possibile specificare una relazione inversa (ad esempio nel documento A è possibile specificare che cosa il documento A è per il documento B) tramite l'attributo rev;

  • MAP: crea una mappa per un elemento IMG, OBJECT o INPUT; una mappa permette di identificare varie aree di un'immagine in modo da renderle interattive (è possibile ad esempio attribuirgli un collegamento); questo elemento può contenere solamente o elementi A o elementi AREA; per associare una mappa ad un IMG è necessario specificare per l'elemento IMG l'attributo usemap sul nome (attributo name) dell'elemento MAP preceduto da un cancelletto (es. usemap="#miamappa"); se l'elemento contiene degli anchor (elemento A) dovranno essere dotati di attributi per definire l'area dell'immagine;

  • MENU (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): definisce un menu a colonna singola, in pratica del tutto corrispondente a UL;

  • META (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): specifica informazioni generiche a riguardo del documento come autore, data di scadenza della pagina, parole chiave e così via; associa ad un nome (attributo name, o anche http-equiv in caso si stia specificando un header HTTP) ad un valore (attributo content); in caso l'informazione in questione sia un URL è preferibile servirsi dell'elemento LINK;

  • NOFRAMES (solo nel DTD Frameset): indica il testo da mostrare ai browser non in grado di utilizzare i frame; gli altri browser semplicemente ignorano questo elemento; questo elemento non dovrebbe mostrare un messaggio di errore ma un rendering alternativo;

  • NOSCRIPT (solo nel DTD Frameset): indica il testo da mostrare ai browser che non supportano scripting; gli altri browser semplicemente ignorano questo elemento; questo elemento non dovrebbe mostrare un messaggio di errore ma un rendering alternativo;

  • OBJECT: indica un'area in cui devono essere resi dei dati tramite una particolare applicazione; la locazione dell'applicazione e dei dati sono specificati tramite un URL rispettivamente nell'attributo classid e data; questo elemento può contenere vari elementi PARAM per specificare dei parametri da passare all'applicazione o un altro elemento OBJECT alternativo in caso non fosse possibile utilizzare quello specificato;

  • OL: indica una lista ordinata (ovvero numerata); può contenere vari elementi LI; il conteggio inizia dal valore specificato nell'attributo start;

  • OPTGROUP: indica un gruppo di opzioni di un elemento SELECT, i browser in genere rendono questo elemento come una voce di intestazione al gruppo di OPTION in questione il cui testo è impostato tramite l'attributo label; questa voce non è selezionabile e viene resa in grassetto corsivo;
     
  • OPTION (tag di chiusura opzionale): indica una voce di una casella a discesa SELECT, contiene il testo da mostrare; se l'elemento OPTION è dotato di attributo selected allora si tratta della voce predefinita; se selezionato e all'interno di un form alla pagina di destinazione verrà inviato il testo dell'attributo value;
     
  • P (tag di chiusura opzionale): indica un paragrafo, che può contenere testo e altri elementi a livello blocco;
     
  • PARAM (elemento vuoto, nessun tag di chiusura): all'interno di un elemento APPLET o OBJECT indica una coppia nome-valore (rispettivamente attributi name e value) che verranno passati all'oggetto; è possibile specificare dettagli sul tipo di parametro tramite gli attributi type e valuetype;
     
  • PRE: indica che il testo che contiene è preformattato, questo significa che il browser mostrerà il testo con un carattere a larghezza fissa, non contrarrarà spazi vuoti consecutivi in uno spazio vuoto unico e disabiliterà la funzione "a capo automatico" (word-wrap);
     
  • Q: indica una citazione in-line (al contrario di BLOCKQUOTE, che è a livello di blocco); in teoria questo elemento dovrebbe essere reso con delle virgolette iniziali e di chiusura ma in realtà i browser non tutti applicano alcuna formattazione specifica; l'attributo cite può essere utilizzato per inserire un URI di riferimento alla fonte della citazione;
     
  • S (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): indica che il testo contenuto deve essere visualizzato barrato (equivalente a STRIKE);
     
  • SAMP: indica un esempio di risultato (output) di un programma, di uno script e così via; viene reso dai browser in maniera simile a CODE, ovvero con un carattere a larghezza fissa;
     
  • SCRIPT: indica uno script nel linguaggio specificato dall'attributo language e dal content-type specificato nell'attributo type; in genere contengono codice JavaScript; se questo elemento è dotato dell'attributo src allora il suo contenuto viene ignorato e viene richiesta la risorsa specificata, altrimenti viene eseguito lo script contenuto dell'elemento stesso;
     
  • SELECT: indica un campo di input a più opzioni mostrate come casella a discesa (se l'attributo size è impostato a 1) o una casella a lista (del numero di righe specificato dall'attributo size); se si trova all'interno di un form, l'attributo name indica il nome del valore che verrà inviato alla pagina di destinazione, il valore è invece determinato dall'attributo value dell'elemento OPTION selezionato quando viene inviato il form; se è presente l'attributo multiple, allora è possibile selezionare più voci contemporaneamente (in questo caso verranno trasmesse alla pagina di destinazione del form tante coppie nome-valore quante sono state selezionate nella casella, dove il nome resta costante);
     
  • SMALL: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato a piccole dimensioni;
     
  • SPAN: definisce un elemento in-line (al contrario di DIV che è a livello di blocco) senza caratteristiche particolari; utile per aggiungere struttura, raggruppare e quindi formattare tramite CSS;
     
  • STRIKE (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): indica che il testo contenuto deve essere visualizzato barrato (equivalente a S);
     
  • STRONG: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato con enfasi, in genere è reso dai browser come grassetto;
     
  • STYLE: all'interno dell'elemento HEAD indica un foglio di stile del tipo specificato dall'attributo type e destinato ad essere visualizzato sul dispositivo specificato nell'attributo media; in genere contiene un foglio di stile CSS;
     
  • SUB: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato a pedice (ovvero leggermente in basso e di dimensioni inferiori);
     
  • SUP: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato ad apice (ovvero leggermente rialzato e di dimensioni inferiori);
     
  • TABLE: indica una tabella; una tabella è formata da una didascalia (elemento CAPTION), da una o più righe di intestazione (elemento THEAD), il corpo della tabella (elemento TBODY) e infine una o più righe di chiusura (elemento TFOOT); ogni riga è delimitata dall'elemento TR che contiene una  più celle (elementi TD, o elementi TH per le celle d'intestazione); è possibile specificare una breve descrizione della tabella nell'attributo summary;
     
  • TBODY (tag di inizio opzionale, tag di chiusura opzionale): indica il corpo di una tabella; usato molto di rado in quanto del tutto superfluo;
     
  • TD (tag di chiusura opzionale): all'interno di un elemento TR indica una cella; è possibile espandere una cella su più righe o più colonne, rispettivamente tramite gli attributi rowspan e colspan;
     
  • TEXTAREA: indica una casella di testo a più linee (multiline) del numero di righe e colonne specificate rispettivamente negli attributi rows e cols; se all'interno di un form, l'attributo name insieme al contenuto dell'elemento forma una coppia nome-valore che verrà inviata alla pagina di destinazione;
     
  • TFOOT (tag di chiusura opzionale): indica le righe di chiusura della tabella;
     
  • TH (tag di chiusura opzionale): del tutto equivalente a TD ma dedicata alle celle d'intestazione;
     
  • THEAD (tag di chiusura opzionale): indica le righe di intestazione della tabella;
     
  • TITLE: indica il titolo della pagina;
     
  • TR (tag di chiusura opzionale): riga di una tabella che può contenere una o più celle (elementi TD, o elementi TH per le celle d'intestazione);
     
  • TT: indica che il testo che contiene deve essere visualizzato con un carattere a larghezza fissa (TT sta per teletype, ovvero il dispositivo del telegrafo);
     
  • U (deprecato, permesso solo nel DTD Transitional): indica che il testo contenuto deve essere visualizzato sottolineato;
     
  • UL: indica una lista non ordinata; può contenere vari elementi LI; l'attributo type permette di specificare quale tipo di marcatore di linea utilizzare;
     
  • VAR: in ambito informatico/matematico, indica una variabile o l'argomento di una funzione; la maggior parte dei browser rende questo elemento tramite un carattere corsivo;

<< INDIETRO by VeNoM00