<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> Dizionario dei termini informatici | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 40 immm = "informatica" categoria = 1 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "16" sc_asp = 1 %> <%-- --%>
Dizionario di informatica
Cerca nella pagina corrente:
TERMINI IN ORDINE ALFABETICO (A-Z)
 TORNA ALL'INIZIO A

Definizioni
  • ActiveX: (in programmazione) si tratta degli elementi compositivi, visibili e invisibili, di un programma.
  • AES: (Advanced Encryption Standard) nome di uno degli algoritmi di crittografia a chiave simmetrica al momento più sicuri; si basa sull'algoritmo Rijndael, evolvendosi dal DES. Adottato ufficialmente dal governo degli Stati Uniti d'America.
  • analogico: si ha una forma di archiviazione di dati analogica quando i dati sono scritti in un supporto in maniera analoga a come lo sono in natura, ad esempio un vecchio 45 giri è analogico perché vi si incide e il suono viene riprodotto attraverso una testina. Usato in genere in contrapposizione a digitale.
  • applicazione: un'applicazione è una parte di un software che permette di svolgere alcuni compiti, ad esempio l'applicazione Microsoft Word permette di elaborare testi.
  • ASP o ASPX: (Active Server Page) sono documenti contenenti codice elaborato dal server (C#, VB .NET, ecc.) che restituisce al client materiale di vario genere (privo di codice sorgente lato server); il codice sorgente non è visualizzabile dal browser client (l'unico codice visibile è quello risultante: HTML, JavaScript, ecc.).
  • AutoPlay: (avvio automatico) vedi autorun.
  • autorun: (autorun.inf) è un file che permette ai CD-ROM di partire automaticamente all'inserimento dello stesso.

 

 TORNA ALL'INIZIO B

Definizioni
  • baloon: "fumetti" che contengono testi informativi per l'utente, tipicamente appaiono dall'icone nella tray.
  • barra degli strumenti: se presente, solitamente è situata sotto la barra dei menu; contiene varie icone che permettono di eseguire alcune operazioni velocemente (ad esempio il salvataggio del documento corrente). Le barre degli strumenti sono a volte più d'una e possono essere posizionate su uno qualsiasi dei quattro lati della finestra.
  • barra dei menu: se presente, solitamente è situata appena sotto la barra del titolo; contiene i menu della finestra (per Word ad esempio File, Modifica, Visualizza, Inserisci, Formato e così via).
  • barra delle applicazioni: barra di Windows su cui è posto il pulsante Start e la lista delle finestre aperte.
  • barra del titolo: parte della finestra più in alto, dove è appunto riportato il titolo della stessa (per Word ad esempio, "NomeDocumento - Microsoft Word"), l'icona della finestra e i tre pulsanti rimpicciolisci, ingrandisci/ripristina e chiudi.
  • barra di stato: se presente, è situata nella parte inferiore della finestra e in genere riporta lo stato dell'applicazione (ad esempio "Salvataggio in corso..." oppure "Compressione in corso..." e così via) o dati di altro genere come la posizione del cursore o la descrizione di un comando su cui il puntatore del mouse è posizionato.
  • beta: fase del processo di rilascio di un'applicazione o servizio mirata al test del servizio prima del rilascio finale, in genere indica instabilità e scarsa affidabilità.
  • BIOS: (basic input output services) è un pannello di controllo indipendente dal sistema operativo che permette di accedere alle periferiche in maniera più "manuale" (solitamente impiegato per i settaggi avanzati); per accedevi basta premere Canc (Del) all'avvio del PC (nella maggior parte dei casi).
  • Black Hat: insieme di tecniche genericamente scorrette adottate per raggiungere uno scopo informatico (che esso sia di SEO, di hacking, di marketing, ecc.), il termine viene in genere contrapposto a White Hat.
  • blog: originariamente "weblog", ovvero diario sul web, si tratta di un sistema di pubblicazione di contenuti strutturati dal più recente al più vecchio;
  • bluetooth: tecnologia senza fili che permette di stabilire connessioni ad esempio tra cellulare e auricolare, mouse e computer, computer e computer e così via. In genere gli accessori bluetooth hanno un limitato raggio d'azione e non sono eccessivamente veloci rispetto ad esempio all'uso di frequenze radio, seppure segnano un progresso rispetto agli infrarossi (IRdA). Le connessioni bluetooth sono spesso criptate.
  • boot: avvio del computer, per fase di boot si intende dall'accensione del computer fino al completo caricamento del sistema operativo.
  • browser: programma client che si connette ad un server per ricevere/inviare informazioni elaborate e non (es. file HTML, ASPX, TXT, ecc.).

 

 TORNA ALL'INIZIO C

Definizioni
  • cache: che sia ad esempio quella di un browser o di un motore di ricerca rappresenta un'area di archiviazione di dati. In genere viene impiegata per immagazzinare dati e riutilizzarli più rapidamente in seguito.
  • case sensitive: (in programmazione) sta a significare che, ad esempio, la dicitura "cASa" non corrisponde alla dicitura "CasA" (anche se le lettere sono le stesse il fatto che vi siano differenze di maiuscole e minuscole le rende due cose totalmente differenti).
  • CD: (Compact Disk) supporto ottico in grado di contenere in genere da 650 a 800 Mb di dati; uno dei suoi utilizzi più frequenti è quello dell'archiviazione di musica ad alta qualità.
  • classi: (in programmazione) rappresentano un metodo per definire un tipo di dato.
  • client: software che può ricevere e inviare dati.
  • code forking: (all'interno di un team di programmazione) corrisponde alla pratica che vede creare numerose versioni di codice incompatibili tra loro.
  • codec: libreria che permette di decodificare (o codificare) video o audio di un certo formato.
  • codice binario:  (0 = basso voltaggio, 1 alto voltaggio) si tratta dell'unico linguaggio che il processore è in grado di elaborare (è caratterizzato da sequenze di otto cifre).
  • collegamento ipertestuale: (link) collega una pagina web ad un'altra pagina o ad un file generico.
  • compilatore: si tratta di uno strumento (software) atto a trasformare il linguaggio comprensibile all'uomo in quello comprensibile al computer (il linguaggio macchina).
  • cookie: (testimone) è un pacchetto di dati inviato da un server web e che viene reinviato ad ogni nuova visita. Permette di stoccare dei dati utilizzatore, ma anche di seguire il cammino dei visitatori nel sito, la provenienza ed il "destino".
  • costante: (in programmazione) è definita da un valore che rimane immutabile durante tutta l'esecuzione del programma (una specie di "variabile fissa").
  • CSS: (Cascading Style Sheet) si tratta di un sistema di formattazione del testo e delle immagini che permette di stabilire: colore, carattere, posizione e strutturazione (ecc.) di una pagina HTML.

 

 TORNA ALL'INIZIO D

Definizioni
  • DBMS: Database Management System, software per la gestione di database, es. Access, MySql, SQLServer, Oracle, DB2, PostGreSql.
  • debugger: si tratta di uno strumento (software) che permette di eseguire riga per riga, con eventuali interruzioni, il codice sorgente di un programma.
  • demo: è un programma od un gioco in versione limitata, che permette di essere valutato dal potenziale utente senza supportarne tutte le funzioni, praticamente è una versione di prova dello stesso.
  • desktop: letteralmente scrivania, termine usato per indicare l'intera area di lavoro. Contiene tutte le finestre, è una sorta di "finestra madre".
  • digitale: si ha una forma di archiviazione dei dati digitale quando essi non vengono memorizzati come sono in natura ma codifica in un linguaggio numerico, ad esempio un CD è digitale in quanto il suono non è memorizzato per incisione come accadeva con i vecchi dischi ma è trasferito in forma numerica binaria.
  • directory: sinonimo di cartella di file.
  • disco: vedere disco rigido.
  • disco fisso: vedere disco rigido.
  • disco rigido: (hard disk) componente hardware per l'archiviazione dei dati stabile, può essere suddiviso in più partizioni.
  • dominio: nome registrato che identifica un server al quale è possibile connettersi così da poter consultare un sito web o qualunque altro tipo di servizio. I domini possono avere vari suffissi, locali come .it, .us o .co.uk oppure internazionali come .com, .net, .info., .org e così via. Inoltre, per convenzione, i domini web (ovvero che si riferiscono a siti web, e non, ad esempio ad un server per le e-mail) cominciano con la sigla WWW.
  • DOS: (Disk Operating System) famoso sistema operativo di Microsoft privo di interfaccia grafica (a linea di comando), presente fino a Windows ME e in seguito emulato (Start, Esegui, digitare command.com e dare conferma). Ne esistono versioni gratuite come FreeDOS.
  • download: l'atto di scaricare file dal server con un client.
  • DVD: (Digital Versatile Disc) supporto ottico in grado di contenere in genere da 4,7 a 8 GB; il suo utilizzo più frequente è quello dell'archiviazione di dati di video.
  • DVI: (Digital Visual Interaface) standard di comunicazione video digitale studiato appositamente per massimizzare le prestazioni quando utilizzato ad esempio con schermi digitali LCD.

 

 TORNA ALL'INIZIO E

Definizioni
  • elemento: in XML un elemento può essere formato da un tag di apertura, uno di chiusura, vari attributi e può contenere quasi tutti i tipi di nodo.
  • entità: un'entità XML è un segnaposto del tipo "&nomeentita;" che deve essere rimpiazzato dal parser con un contenuto arbitrario corrispondente definito nel DOCTYPE; le più diffuse sono le entità di carattere, come "&nbsp;" o "&egrave;" ma non si limitano a queste.
  • eseguibile: è un programma che può essere eseguito senza l'ausilio di altri software (es. "WINWORD.EXE", Microsoft Word).
  • e-shop: negozio online;
  • espressioni regolari: (regular expressions) costituiscono un metodo di notazione conciso e flessibile per la ricerca e la sostituzione di testo che soddisfa determinati criteri.
  • estensione: parte del nome di un file dopo l'ultimo punto (es. l'estensione di ciao.doc e' DOC, l'estensione di file.qualcosa.jpg è JPG), essa serve per identificare il tipo di file in questione, ad esempio JPG indica un'immagine, DOC un documento di Microsoft Word.
  • Ethernet: standard di comunicazione per l'instaurazione di reti LAN via cavo.

 

 TORNA ALL'INIZIO F

Definizioni
  • FAT: acronimo di File Allocation Table, vecchio file system incoraggiato da MS-DOS, Windows 95, 98 e ME. Utile per condividere file con sistemi operativi diversi da Windows ma piuttosto limitato in quanto a capacità, funzionalità e prestazioni.
  • FAT32: file system successivo FAT, porta notevoli migliorie: maggiore capacità e una migliore gestione dei dati.
  • file: in genere una porzione di disco (o di qualsiasi altro tipo di supporto) di dimensioni arbitrarie formato da byte che descrivono un qualche tipo di contenuto come un'immagine, un documento, una pagina web e molto altro.
  • file-sharing: un servizio si definisce in genere di file-sharing (condivisione di file) quando più utenti connessi in una rete P2P si scambiano file, come musica, film, documenti, immagini e così via; sono applicazioni di file-sharing Torrent, eMule e così via.
  • file system: modo in cui i file vengono scritti su disco (o su qualunque altro tipo di supporto), ogni particolare file system ha vantaggi e svantaggi particolari.
  • finestra: porzione di desktop delimitata (solitamente rettangolare) dedicata ad un'applicazione, solitamente è formata da una barra del titolo, una barra dei menu e un numero indefinito di controlli. Può essere spostata, ridimensionata, ingrandita a tutto schermo o rimpicciolita. La barra di Windows mostra una lista di tutte le finestre attive correntemente.
  • firewall: misura di sicurezza mirante a proteggere i files di un terminale interno, identificando ogni accesso non autorizzato a questi files. Il "parafuoco" filtra tutto ciò che entra od esce dal pc, per assicurarne la sicurezza. In pratica  è un programma che monitorizza tutte le connessioni aperte proteggendole dai tentativi di far cadere la connessione al server e di penetrazione.
  • font: carattere o stile di scrittura; si tratta di file, generalmente con estensione TTF, che permettono di utilizzare particolari grafie. Una volta installato sarà utilizzabile da tutti i programmi,
  • formattare: eliminare tutti i dati su un disco rigido o un floppy, dopo la cancellazione totale dei dati viene solitamente preparato un nuovo filesystem (come NTFS, FAT o altri). Per formattazione a basso livello si intende invece non solo eliminare le intestazioni ma impostare su 0 tutti valori del disco così che non rimanga traccia di ciò che vi era stato precedentemente.
  • FTP: (File Transfer Protocol) è un protocollo di trasmissione dati più veloce dell'HTTP che viene solitamente impiegato dai webmaster per fare l'upload e il download dei file da/a il loro sito web.
  • funzione: (in programmazione) è un insieme di operazioni e processi atti ad ottenere un dato risultato restituendo (o non restituendo) un determinato valore (solitamente, per essere eseguita, devono essere richiamata).

 

 TORNA ALL'INIZIO G

Definizioni
  • gateway: struttura che gestisce la comunicazione fra due qualsiasi supporti di rete (es. fra internet e una rete locale). Un gateway funziona insomma come una specie di "traduttore" permettendo così ad utenti che utilizzano diverse reti di comunicare.
  • GIF: (Graphic Interchange Format) formato di immagine molto diffusa sul web che può disporre al massimo di una tavolozza di 256 colori; a differenza di altri formati permette la creazione di animazioni e l'utilizzo del colore trasparente.
  • GPL: tipologia di licenza che permette l'uso estensivo di un prodotto da parte di terzi purché rimanga sotto una licenza simile.
  • granularity: in programmazione, riferita ad un array, indica il numero di elementi per cui viene allocato spazio prima che sia necessario di allocarne dell'altro (ad esempio un array potrebbe avere una granularity di 7 elementi, quindi quando si aggiunge l'ottavo elemento ne verrà allocato spazio per altri 7, per un totale di 14).

 

 TORNA ALL'INIZIO H

Definizioni
  • hacker: per hacker si intende quella persona che penetra nei sistemi informatici solamente per capire come essi funzionino realmente. Egli non danneggia nulla, non ruba nulla, egli vuole solo nutrirsi di informazioni. Chi danneggia sistemi è definito "lamer".
  • handshaking: ("stretta di mano") è lo scambio di segnali tra due PC connessi tra di loro indicante che la trasmissione dati può avvenire senza problemi.
  • hard disk: vedere disco rigido.
  • hardware: tutto ciò che concerne le parti "fisiche" del computer (processore, scheda video, periferiche varie, ecc.): ciò che permette insomma al software di funzionare.
  • HDMI: (High Definition Multimedia Interface) standard di comunicazione in grado di trasportare sia audio che video; trasporta in genere un segnale video HD, ad esempio 720p, 1080p o simili.
  • heap: chiamato anche free store, in programmazione, indica l'area della memoria in cui vengono allocate variabili non locali, mantenute solo da puntatori, quindi quando non servono più devono essere eliminate automaticamente; solitamente sono usate per memorizzare quantitativi di dati relativamente grandi.
  • Home Page: nel caso di un utente corrisponde alla pagina iniziale del browser web (es. di Internet Explorer) utilizzata per navigare agevolmente su internet; nel caso di un sito corrisponde (solitamente) alla pagina che viene visualizzata per prima: se il sito consta di più pagine questa in genere permette l'accesso a tutte le altre.
  • HTML: (Hyper Text Markup Language) sono le pagine più comuni che si possono trovare sul web (ma non solo), esse possono contenere: testi, immagini, script, animazioni (interattive e non) e possono essere collegate tra loro.
  • HTTP: (Hyper Text Transfer Protocol) protocollo di trasmissione di dati più usato sul web che permette di far accedere alle pagine e/o ai file presenti su una macchina remota.
  • HTTPS: (Secure HTTP) versione di HTTP che viaggia su SSL, offre quindi una protezione della comunicazione con il sito che si sta visitando, che, in genere, garantisce che i contenuti provengono dal sito a cui ci siamo connessi e che non sono stati intercettati o modificati da nessuno.

 

 TORNA ALL'INIZIO I

Definizioni
  • icona: immagine quadrata in formato "*.ico" che varia solitamente di dimensione tra 16x16 pixel fino a 72x72 pixel atta a ricordare l'utilità del programma a cui è associata o nel quale è inclusa. Un'icona non è un programma.
  • identificatore: (in programmazione) si tratta di nomi utilizzati per rappresentare costanti, variabili, tipi, e funzioni all'interno del codice.
  • IMAP: (Internet Message Access Protocol) protocollo utilizzato per consultare, scaricare e organizzare la posta elettronica; è un protocollo molto più avanzato di POP3, offre molte caratteristiche aggiuntive quali la disponibilità di cartelle di archiviazione lato server.
  • IP: (Internet Protocol) l'indirizzo IP è un numero costituito da quattro gruppi di cifre comprese tra 0 e 255, separate da punti (detti in inglese dot) che identifica in modo univoco la locazione di un computer, l'IP può riguardare una rete locale ma anche internet (es. 127.212.111.130).
  • IRC: (Internet Relay Chat) protocollo utilizzato per chattare e per scambiare file.
  • istanza: (in programmazione) si tratta (in generale) di una rappresentazione concreta, una concretizzazione di un qualcosa.

 

 TORNA ALL'INIZIO J

Definizioni
  • JPEG: (Joint Photographic Experts Group) formato di immagini molto diffuso sul web, particolarmente adatto per archiviare fotografie senza utilizzare troppo spazio su disco;
  • jumper: piccolo ponte in metallo (ricoperto da plastica) che consente la modifica delle impostazioni di un componente hardware tramite il collegamento elettrico di due punti di un circuito.

 

 TORNA ALL'INIZIO K

Definizioni
  • kernel: è il punto nevralgico di un OS, il suo primo livello responsabile ovvero dell'intermediazione fra hardware e i livelli più alti/avanzati di un sistema.

 

 TORNA ALL'INIZIO L

Definizioni
  • LAN: acronimo di Local Area Network, una rete locale che mette in comunicazione due o più PC, permette di condividere file, comunicare, condividere stampanti e altro ancora.
  • late binding: in programmazione indica che un linguaggio non controllerà il tipo di un oggetto a compile-time, ma delegherà questo alla fase di run-time; ad esempio in VB.Net (se è attivata l'opzione per il late binding) è possibile richiamare un metodo XYZ() su una variabile Object e il compilatore non darà errore, non vi sarà errore neppure a run-time ammesso che quella variabile assuma in realtà la forma di una classe che supporta il metodo XYZ().
  • libreria: una libreria è in genere un file (spesso con estensione DLL) che contiene parte di un programma o lo estende con funzionalità aggiuntive.
  • linea di comando: vedere prompt dei comandi.
  • link: collegamento (vedi collegamento ipertestuale).
  • login: azione di inserire un nome utilizzatore ed una password a partire da un terminale, per avviare una sessione (ad esempio su un sito web).
  • logout: azione di disconnettersi da un sistema (ad esempio un sito web) terminando la sessione; è importante effettuare il logout quando si abbandona un computer utilizzato da altri in quanto potrebbero continuare al sessione aperta con le vostre credenziali;

 

 TORNA ALL'INIZIO M

Definizioni
  • masterizzare: scrivere dei dati su un supporto ottico, come CD, DVD e successivi.
  • memoria: per memoria si intende in genere la memoria RAM.
  • menu: è possibile accedere ai menu di una finestra cliccando su una voce nella barra dei menu, così facendo apparirà una lista di comandi che è possibile eseguire.
  • menu contestuale: particolare tipologia di menu a cui è possibile accedere facendo click destro (o premendo l'apposito tasto sulla tastiera) su un oggetto (un file in Esplora risorse o una porzione di testo in una casella di testo) che mostra le azione che è possibile eseguire sulla voce correntemente selezionata, ad esempio se si tratta di testo potrebbero essere presenti le voci taglia, copia e incolla.
  • modalità provvisoria: modalità di avvio di Windows minimale in cui vengono caricati solamente i componenti strettamente necessari, utile per diagnosticare problemi in caso non fosse possibile utilizzare normalmente Windows.
  • modem: periferica di accesso a Internet tramite la composizione di numero telefonico (modem analogico, i più diffusi vanno a 56 kbps) o la semplice connessione alla linea ADSL (modem ADSL).
  • monitor: schermo.
  • mouse: periferica di input del computer atta a trasmettere la posizione sullo schermo del cursore scelta dall'utente e le interazioni con gli oggetti presenti (tramite i click).

 

 TORNA ALL'INIZIO N

Definizioni
  • network: si tratta di un sistema/rete di computer connessi tra di loro per il trasferimento e la condivisione di dati/periferiche/software; esso è composto da due o più computer con relative interfacce (schede di rete), cavi e strutture di gestione per il collegamento delle unità presenti.
  • nodo: un nodo XML è l'unità minima di un documento XML, può essere un elemento, un attributo, un commento, una processing-instruction, il DOCTYPE, la dichiarazione XML, una sezione CDATA, del testo semplice, un whitespace (spazio vuoto, più o meno significativo) o una notazione.
  • NTFS: NT File System, file system favorito da Windows 2000, XP, 2003 e Vista, permette di impostare permessi, comprimere i file e crittografarli. I limiti di capacità sono pressoché irragiungibili.

 

 TORNA ALL'INIZIO O

Definizioni
  • Office: pacchetto di software che contiene strumenti utili per l'ufficio (es. WORD).
  • oggetto: (in programmazione) è un'istanza del contenuto di una classe (la classe ne definisce insomma il comportamento).
  • open source: tipologia di licenza gratuita e che permette l'accesso ai sorgenti.
  • OS: (operative system) il sistema operativo di un computer è quel grande "software" (es. Linux, Windows, ecc.) che funge da base di lavoro per tutti gli programmi.
  • output: in generale si può parlare di output come "ciò che viene fuori" ovvero il risultato finale di qualcosa.

 

 TORNA ALL'INIZIO P

Definizioni
  • P2P: vedere peer-to-peer.
  • partizione: un disco rigido può avere più partizioni, ovvero più unità, ad esempio uno stesso disco può avere due unità distinte C:\ e X:\. Ogni partizione ha un suo file system.
  • password: combinazione segreta di lettere e simboli alfanumerici che l'utilizzatore deve inserire per stabilire una connessione ad un network informatico o comunque per accedere ad un'area riservata.
  • patch: per patch si intende una modifica/aggiornamento di un programma che viene distribuito ufficialmente o meno per correggere errori (bug) oppure per aggiungere funzionalità.
  • PayPal: servizio a cura di eBay per il trasferimento di denaro online, rinomato per la sua semplicità e sicurezza; permette in sostanza di creare un proprio conto online su cui è possibile caricare soldi da carta di credito, da altri account e così via;
  • peer-to-peer: tipo di connessione diretta tra due utenti senza server intermediari, reti come BitTorrent, eDonkey (la rete di eMule) e Gnutella si basano su P2P, al contrario servizi come le chat IRC o il WWW si basano su connessione a server.
  • percorso: il percorso di un file è la sua locazione formata da unità ("C:\" in genere per il disco fisso primario, "A:\" in genere per l'unità floppy ecc.), la cartella (es. "MieiVideo\Vacanze 1990\"), il nome del file comprensivo di estensione (es. "VideoDivertente.avi"); ecco un esempio di percorso completo: "C:\MieiVideo\Vacanze 1990\VideoDivertente.avi".
  • pixel: è l'unità di misura più utilizzata sul computer e 1 pixel è la parte più piccola in cui si può suddividere lo schermo.
  • plug-in: sono dei piccoli programmi accessori che aggiungono funzioni ad un programma principale. Spesso navigando ci si imbatte in finestre che propongono l'installazione di vari plug-in del browser che sono indispensabili per poter visionare video, animazioni ecc. (necessari per una navigazione completa in internet), come ad esempio il plug-in di Adobe Flash o di Java. Esistono plug-in anche per molti altri software, ad esempio per Microsoft Office.
  • POP3: (Post Office Protcol) protocollo utilizzato per scaricare o consultare la posta elettronica.
  • PNG: (Portable Network Graphic) formato grafico che permette di utilizzare una tavolozza true-color (ovvero con una profondità a 24-bit) e anche un alpha channel (ovvero un indicatore della percentuale di trasparenza).
  • popup: una finestra del browser generata dalla pagina che si sta visitando apparendo in primo o secondo piano, con il consenso dell'utente o meno; sono spesso pubblicità, ma ancor di più frequente si tratta di una normale reazione al click dell'utente su un link (in particolare se porta ad un sito esterno a quello corrente).
  • processo: un processo è come il sistema operativo vede un programma avviato, ha una priorità, della memoria RAM riservata, può essere terminato o interrotto temporaneamente.
  • processore: è il "cuore" del PC ed è anche ciò che permette al computer di funzionare: si tratta insomma di un apparato hardware che elabora a velocità altissime il codice macchina e gestisce lo smistamento dei dati (verso periferiche quali: schermo, stampante, modem, ecc.).
  • programma: vedi applicazione.
  • prompt dei comandi: interfaccia linea di comando, simile a DOS, attraverso essa è possibile eseguire determinati programmi digitandone il nome (es. per avviare il Blocco Note digitare notepad e premere Invio). Per avviare il prompt dei comandi andare a Start, Esegui, digitare cmd e dare conferma.
  • protocollo: standard di trasmissione dati, come IRC, FTP, HTTP, ecc.
  • provider: Service provider, fornitore di servizi; organizzazione che fornisce accessi a pagamento a Internet a livello internazionale,  nazionale, regionale o locale e in diversi metodi (accessi dedicati, ad alta velocità ecc.).

 

 TORNA ALL'INIZIO Q

Definizioni
  • query: corrisponde tecnicamente ad una "interrogazione" e indica il processo di selezione ed estrazione di dati da un database (di qualsiasi genere) secondo determinati parametri.

 

 TORNA ALL'INIZIO R

Definizioni
  • RAM: (Random Access Memory) scheda di memoria di tipo volatile ad accesso casuale; la RAM corrisponde ad un'area di memoria temporanea nella quale i dati risiedono (fino a quando non vengono salvati "definitivamente" su memoria di massa). Con RAM si allude alla memoria interna principale di un PC, formata da microchip e misurata in megabyte.
  • RDP: (Remote Desktop Protocol) è un protocollo che, su internet, permette la connessione ad un computer remoto (es. noi ci troviamo in Italia e il PC in Cina). Grazie all'RDP si può controllare via interfaccia grafica un desktop (applicazioni, ecc.) come se si fosse sul proprio.
  • registro di sistema: il Registro di sistema (Registry in inglese) è dove vengono memorizzate tutte le impostazioni di Windows e di altri programmi; esso è suddiviso in chiavi che possono contenere a loro volta altre chiavi o valori (ovvero una coppia NomeValore = "dati"); per modificare questo registro utilizzare l'editor del Registro di configurazione (Start, Esegui, digitare regedit e dare conferma).
  • RTM: (Release To Manifacturing) è la sigla che indica la versione finale, pronta per il rilascio definitivo, di un'applicazione o servizio.

 

 TORNA ALL'INIZIO S

Definizioni
  • salvare: in ambito informatico salvare qualcosa (un documento, un'immagine o più in generale un file) significa scrivere su disco (o su qualunque altro tipo di supporto) il lavoro elaborato, così che sia possibile accedervi nuovamente in futuro.
  • sessione: su un sito web una sessione è il lasso di tempo tra il login dell'utente (inserimento di nome utente e password) e il logout. Il logout può anche avvenire in automatico dopo una certa quantità di tempo di inattività (timeout), causa del tipico errore "sessione scaduta". Il concetto è analogo anche per una sessione di un utente su un sistema operativo.
  • SMTP: (Simple Mail Transfer Protocol) protocollo utilizzato per inviare la posta elettronica;
  • software: a volte usato come sinonimo di programma, indica in realtà le istruzioni che il processore di un computer deve eseguire, in opposizione a chi le esegue, l'harware.
  • SPAM: invio di un corriere elettronico indesiderato, utilizzando l'identità di un'altra persona o una inesistente.
  • SSL: (Secure Socket Layer) è un protocollo utilizzato per crittografare le connessioni di rete, che garantisce che nessun intermediario della comunicazione possa avere accesso ai dati trasmessi.
  • stack: in programmazione, indica l'area di memoria in cui vengono memorizzate le variabili locali, esse vengono automaticamente eliminate quando vanno out-of-scope (ad esempio per una variabile dichiarata in una funzione, alla fine della funzione stessa).
  • stringa: (in programmazione) una variabile essenzialmente di carattere testuale (es. "Hello world!").

 

 TORNA ALL'INIZIO T

Definizioni
  • taskbar: vedi barra delle applicazioni.
  • Task Manager: (Windows) si tratta di un pannello che permette all'utente di avere sotto controllo: applicazioni, processi, prestazioni, reti e gli utenti che interagiscono all'interno del sistema operativo.
  • timeout: letteralmente "tempo scaduto", generalmente si trova questo tipo di errore in relazione ad una sessione web per indicare che l'utente è rimasto inattivo a troppo a lungo e per questo il sistema lo ha considerato disconnesso.
  • tray: parte della barra delle applicazioni vicino a dove è mostrata l'ora dove vari programmi rimangono minimizzati in maniera discreta.

 

 TORNA ALL'INIZIO U

Definizioni
  • upload: l'atto di trasferire genericamente file dal client al server.
  • unità: per unità si intende una partizione del disco fisso (ad esempio potreste avere un'unità "C:\" chiamata "Disco principale") o un supporto rimovibile come CD, DVD, chiavi USB, dischi floppy, ecc.
  • unità ottica: periferica in grado di leggere supporti ottici quali DVD e CD.
  • URL: (Universal Resource Locator, localizzatore di risorse universali) è semplicemente l'indirizzo internet, ad esempio l'URL di ArcadiA Club è "http://www.arcadiaclub.com".
  • USB: (Universal Serial Bus) tipo di porta (uscita) seriale estremamente diffusa che rimpiazza tutti i vecchi tipi (LPT e COM ad esempio), hanno infiniti usi: in generale mettono in collegamento una periferica esterna (un cellulare, una chiave di memoria, una tastiera musicale, un lettore MP3) con il computer.

 

 TORNA ALL'INIZIO V

Definizioni
  • variabile: (in programmazione) una specie di "contenitore impostabile" che può cambiare valore (a piacimento) durante l'esecuzione del codice.
  • VGA: (Video Graphics Array) standard di comunicazione video analogico in genere utilizzato per collegare schermi a computer; più diffuso è lo standard DVI o HDMI.
  • virus: Il virus è un programma indipendente che riesce a riprodursi. Può attaccare gli altri programmi e può creare copie di se stesso. Può danneggiare o corrompere i dati su di un computer o calare le sue performance utilizzando risorse come la memoria RAM oppure lo spazio libero sul disco fisso.
  • VPS: (virtual private server) una via di mezzo tra uno spazio web dedicato e un comune hosting, permette di avere maggiore controllo e (teoricamente) maggiori prestazioni di uno spazio hosting. Il sistema operativo viene caricato virtualmente (per ciascuna macchina possono esserci ad esempio 2 o 3 spazi VPS) e questo diminuisce le prestazioni rispetto ad uno spazio totalmente dedicato.

 

 TORNA ALL'INIZIO W

Definizioni
  • W3C: (World Wide Web Consortium) nato nel 1994, si tratta di un'associazione non a scopo di lucro che mette a punto specifiche e linee guida intese a promuovere l'evoluzione del web e ad assicurare l'interoperabilità delle tecnologie presenti in esso.
  • WAN: acronimo di Wide Area Network, rete che mette in comunicazione tra loro più LAN, la WAN più famosa e usata è Internet.
  • web: (rete) parte della rete Internet pubblicamente accessibile e che viaggia su HTTP, visitabile tramite il browser; ad esempio i servizi di file-sharing P2P viaggiano su Internet ma non hanno nulla a che fare con il web.
  • webmaster: figura professionale che gestisce siti web.
  • wifi: un dispositivo WiFi (Wireless Fidelity) è un dispositivo in grado di collegarsi ad una rete senza file WLAN secondo lo standard 802.11.
  • wireless: letteralmente significa "senza fili", infatti viene definita tale una qualsiasi tecnologia che non faccia uso di cavi; ad esempio un mouse wireless non ha fili, così come una tastiera o una scheda di rete wireless che permette di connettere due computer senza un collegamento fisico; la comunicazione wireless può essere tramite bluetooth, infrarossi (IRdA) o frequenze radio.
  • WLAN: acronimo di Wireless LAN, si tratta di una rete locale LAN che non viaggia su fili ma si serve di tecnologia wireless.
  • wizard: (letteralmente: mago) in informatica con "wizard" si intende un percorso guidato facilitato.
  • WWW: (World Wide Web) indica che il sito che si sta visitando fa parte della rete globale ma in realtà si tratta solo di un prefisso preposto all'identificazione del computer remoto.

 

 TORNA ALL'INIZIO X

Definizioni
  • XHTML: (eXtensible Hyper-Text Markup Language) è una sorta di nuova versione dello standard HTML che deve sottostare alle regole XML. Le principali differenze con HTML sono: le dichiarazioni XML, le dichiarazioni di namespace, l'obbligo di chiudere tutti i tag (non più "<br>" ma "<br />"), l'obbligo di non incrociare tag (es. "<strong><em></strong></em>"), l'obbligo di un valore per ogni attributo, e le sezioni CDATA per gli elementi style e script.
  • XML: (eXtensible Markup Language) equivale ad una espansione/evoluzione dell'HTML; grazie alla sua semplicità e portabilità multi-piattaforma può essere impiegato in innumerevoli campi (dal web all'immagazzinamento di dati sensibili).
  • XPath: (XML Path) linguaggio utilizzato per identificare la posizione di un nodo XML (elemento, attributo, commento, ecc.) all'interno di un documento. Una delle sue applicazioni principali è l'integrazione con XSLT e DOM. Un esempio di espressione XPath: "//persona/@nome[@id=10]", restituisce l'attributo nome di tutti gli elementi persona del documento con attributo id equivalente a 10. È definito e standardizzato da W3C all'interno delle specifiche XSL.
  • XSL: (eXtensible Stylesheet Language) termine utilizzato per indicare al contempo XPath, XSLT e XSL-FO, ovvero i fogli di stile con i quali (spesso in unione con CSS) è possibile descrivere un documento XML.
  • XSL-FO: (XSL Formatting Objects) foglio di stile standardizzato dal W3C basato su XML il cui scopo è descrivere la formattazione grafica di un documento XML. Utile per la stampa, è infatti spesso utilizzato strettamente con PDF o formati simili.
  • XSLT: (XSL Transformations) in programmazione si tratta di un foglio di stile basato su XML che permette di trasformare un documento XML di input in un altro documento XML, o talvolta HTML, TeX, PDF, ecc. Può essere definito quasi un vero linguaggio di programmazione, supporta infatti cicli del tipo for-each, e blocchi condizionali. XSLT è uno standard del W3C.
  • X-modem: nella trasmissione dei dati, si riferisce alla modalità di correzione degli errori, esse prevedono l'impiego di un protocollo di controllo dati, attraverso il quale il PC ricevente e quello trasmittente si scambiano informazioni in modalità handshaking.

 

 TORNA ALL'INIZIO Y

Definizioni
  • Y-modem: protocollo per il trasferimento di file basato su modem, a differenza dell'X-modem quest'ultimo è in grado di trasferire mentre riceve.

 

 TORNA ALL'INIZIO Z

Definizioni
  • zippare: (termine non tecnico) da "to zip","comprimere": comprimere file usando appositi programmi (es. WinZip), renderli di minori dimensioni e quindi più facili da trasportare o inviare (es. come allegati alle e-mail). Questi ultimi naturalmente possono essere decompressi con il medesimo programma.
  • Z-modem: il protocollo per il trasferimento file via modem, più evoluto rispetto alle versione X e Y, permette infatti di inviare più file contemporaneamente.

 


<< INDIETRO