ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
sopravvivenza.htm   Sopravvivenza - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

 
- Imparare a fare i nodi -
 
DOCUMENTO
Come fare i nodi e come applicarli in campo di sopravvivenza (2 di 2)

Immagine documento
 

Nodi: come farli

La caratteristica che deve essere comune a tutte le tipologie di nodi è la resistenza in relazione all'utilizzo per il quale sono stati creati, un nodo deve inoltre essere facile da sciogliere. Per provare la teoria che andiamo ad esporre è utile replicare con una corda o una fune (niente lacci o spago) ciò che viene descritto. A ciascun nodo corrisponde un'immagine numerata:

  • Nodo a bocca di lupo (fig.16) - Serve a sospendere in aria un carico o per ancorare una corda a un dato punto.
     
  • Nodo parlato (fig.17-18) - Il più semplice tra i nodi di ancoraggio, è molto solido ed è facile e rapido da sciogliere; serve ad esempio per legare una fune a un palo o come nodo di partenza per delle legature.
     
  • Nodo di Prusik (fig.19) - Nodo derivato da quello a bocca di lupo, ha gli stessi usi e serve anche come nodo di sicurezza per ancorarsi con una certa elasticità a un'altra corda.
     
  • Nodo a mezza chiave (fig.20-21) - Adatto a fissare un tirante ad un picchetto, o ad esempio per ancorare una corda a un'altra già tesa o ad un palo.
     
  • Nodo paletto (fig.22) - Da usare per ancorare un oggetto, per iniziare una legatura, per legare un carico da trascinare o da issare (ad esempio di legna).
     
  • Nodo dell'evaso (fig.23) - Può essere impiegato per calarsi e poter recuperare la corda appena dopo.
     
  • Nodo a otto (fig.24) - Serve ad accorciare o tendere corde sottoposte a tensione costante, senza tagliarle e senza slegarne le estremità; adatto anche a rinforzare un tirante logorato.
     
  • Nodo margherita (fig.25) - Serve ad accorciare o per mantenere tesa una corda sottoposta a tensione costante senza tagliarla e senza slegarne le estremità; utile anche per rinforzare una parte logorata della corda.

Descritta questa serie di nodi è importante dire che per arrivare ad avere manualità occorre esercitarsi più e più volte in maniera da poter poi replicare a memoria la tecnica con efficacia e rapidità nel momento del bisogno. Se possibile testare sempre la resistenza di un nodo prima di impiegarlo nell'operazione a cui E' destinato.

 

<< INDIETRO    


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "imparare".
Visualizza video sull'argomento "fare".
Visualizza video sull'argomento "nodi".
Visualizza video sull'argomento "sopravvivenza".
Visualizza video sull'argomento "imparare fare nodi sopravvivenza 2".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: