<%@ Page Language="VB" ResponseEncoding="iso-8859-1" Inherits="AACPage" %> <%@ import Namespace="System.Data" %> <%@ import Namespace="System.Data.Oledb" %> <%@ import Namespace="System.Data.ODBC" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="header" Src="~/header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="footer" Src="~/footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioHeader" Src="~/service/include/telaio_header.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="telaioFooter" Src="~/service/include/telaio_footer.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="autoreFile" Src="~/service/include/autore_file.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aggiornamenti" Src="~/service/include/aggiornamenti.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost" Src="~/forum/inc_ultimi_post.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="ultimiPost3" Src="~/forum/inc_ultimi_post_nuovo.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="aspect" Src="~/service/include/aspect.ascx" %> <%@ Register TagPrefix="aac" TagName="adsenseGenerator" Src="~/service/include/adsense_generator.ascx" %> <% 'Il controllo per il paging correntemente è registrato qua e là, ma andrebbe 'eliminato da tutte le parti e messo qui '<'%@ Register TagPrefix="aac" TagName="paging" Src="~/service/include/paging.ascx" %'> %> Disegnare il mare/oceano | ARCADIACLUB.COM <% sez_id = 21 immm = "manga" categoria = 7 #CONST aspect_asp = 0 forum_id_asp = "34" sc_asp = 1 %> <%-- --%> 
Imparare a disegnare manga
 

<% IF NOT PaginaAAC.NOTITA THEN %> Ingrandisci testo | Stampa testo | Invia ad un amico | Inserisci commento <%End If%>


Articoli Disegnare il mare/oceano


<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,336,280,,,10,,1,1,1,)) %>

Grandi distese d'acqua

L'evenienza di dover disegnare oceani e/o mari si presenta molto spesso ma talvolta non se ne riesce a cogliere l'effettivo carattere e si fallisce nel rendere un elemento così maestoso ed espressivo; ogni dettaglio va infatti curato con grande cura: la superficie tracciata non deve sembrare nè terra nè cielo ma una distesa d'acqua in movimento...

Tutorial sul disegno manga


Disegnare il mare/oceano - Figura 1

<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,120,240,215,,9,,1,1,1,)) %>

FIGURA 1

 Immagini di esempio

1) per disegnare un buon effetto mare/oceano occorre tener presente i seguenti elementi:

  • distanza dalla camera;
  • rifrazioni di luce e colori;
  • schiuma e corrente;
  • movimento delle onde;
  • densità/profondità dell'acqua;

2) a riguardo della distanza occorre dire che più il mare è distante dalla camera meno risulterà mobile e lineare; in ragione di chilometri il mare non sarà altro che una linea retta all'orizzonte, mentre a pochi metri potrà invece mostrare grandi sconvolgimenti (notare in figura 1, 2 e 3 la differenza di intensità avvicinandosi via via all'orizzonte);

3) cerchiamo di creare più riflessi e contrasti (ragionati): impieghiamo passaggi tra luce e proiezioni d'ombra, bianco e nero; in secondo luogo ricordiamo che disegnare un oceano con un singolo colore vuol dire fargli perdere tutta la sua intensità, selezioniamo quindi più gradazioni di azzurri, blu e verdi e inseriamoli con rapide alterazioni cromatiche dall'uno all'atro;


Disegnare il mare/oceano - Figura 1

<% 'ADV_ORGANIZER 1.0 | formato, categoria, base, altezza, unico, disposizione, voto, dove, numero,tipo,refresh,output response.write(organize_adv(0,categoria,120,240,215,,9,,1,1,1,)) %>

FIGURA 1

 Immagini di esempio

4) anche in mare aperto più le acque sono mosse più schiuma ci sarà, a riva invece la schiuma persiste quasi sempre: disegniamo creste bianche spumose con distaccamenti di piccole aree (questa volta più tondeggianti); a distanze più ridotte inseriamo anche qualche piccola bollicina; non scordiamo che il momento di massima "schiumosità" è quello in  cui l'onda si infrange (su se stessa o su altri elementi); piccole aree curvilinee chiuse o semichiuse possono dare inoltre l'idea della corrente dell'acqua e/o di bolle subacquee (fig.1);

5) a distanze ravvicinate il movimento delle onde deve essere sempre presente: manteniamone armoniose (ma non simmetriche) le alterazioni di altezza e distribuiamone con equità le deformazioni sulla superficie; facciamo attenzione a non creare linee troppo dolci/curve, cerchiamo piuttosto tratti vagamente segmentati e piccole punte; in caso di veri e propri muri d'acqua segnaliamone la potenza con linee cinetiche di riempimento in direzione del moto; non esiste un'onda se al suo fianco non c'è una corrispondente area concava, non scordiamoci la forza di gravità (fig.3);


Disegnare il mare/oceano - Figura 2

FIGURA 2

 Immagini di esempio

6) sulla densità si può azzardare l'inserimento di scogli, imbarcazioni, oggetti galleggianti (ecc.) parzialmente sommersi, capaci così di contribuire a dimostrare l'effettiva penetrabilità del liquido; anche l'uso di eventuali deformazioni di oggetti sotto il pelo dell'acqua può giovare al risultato; per rendere la profondità può poi essere poi d'ausilio un passaggio da una gradazione più chiara di colore ad una più scura e trasparenze di elementi sommersi poco definiti (fig.1);

7) ancora una volta la cosa più importante per definire un buon lavoro non è il colore ma il tratto: se abbiamo lavorato bene la nostra composizione con qualsiasi variazione cromatica risulterà una sostanza liquida e riflettente, in caso contrario avremo creato un qualcosa di troppo solido/impenetrabile o troppo poco denso;

8) al fine di raggiungere un risultato ottimale è possibile trarre ispirazioni da fotografie/riprese marittime; in conclusione, ma è facoltativo, si può provare a ripassare i bordi delle onde con degli effetti blur/aerografo/ecc. che ne identifichino la parte più fluida (fig.3).

<% dim autore_file as string = "aFiGoZ" %> <% author.Autore = autore_file %>