ArcadiA Club
ArcadiA Club


AAC FORUM     AAC News     AAC Box    



Home Page   Home Page
galart.htm   Galleria d'arte - FORUM sezione  Vai al FORUM
 
Username:
Password:
Iscriviti!  |  Recupero password



Iscriviti GRATIS, potrai navigare senza questa
fascia e accedere a contenuti esclusivi:

    E-Mail:

Password:



 

SCHEMA TEMPORALE DELLA STORIA DELLA FILOSOFIA
 Filosofia antica (600 a.C.- 300 d.C.)
PARTE PRIMA PARTE SECONDA


Filosofia naturale ionica
- I milesi, filosofi dell'archè.

  • Circa 625 - 545
    Talete di Mileto - Annoverato tra i Sette Sapienti, sosteneva che l'archè (materia prima) fosse l'acqua (o meglio l'elemento "umido").  Egli era inoltre contro tutte le spiegazioni mitiche o superstiziose dei vari accadimenti naturali. Predisse un'eclissi.

  • Circa 610 - 547
    Anassimandro - Riconosceva l'archè con l'àpeiron. L'àpeiron infatti, infinito ed indefinito, può diventare ed essere tutte le cose. Anassimandro diede vita al primo progetto di una cosmogonia.

  • Circa 585 - 525
    Anassimene - L'archè è l'aria ("aèr" o elemento gassoso), il quale, tramite rarefazione e condensazione, fornisce e togli consistenza al mondo. Questo pensatore predicava il cosmo come una Sostanza eterna.

Scuola eleatica

  • Circa 570 - 470
    Senofane di Colofone - Sosteneva che giungere al sapere è possibile, era contrario al mito e sostenitore della fortuna come conquista da guadagnarsi: parlava infatti della civiltà come frutto della fatica dell'uomo. Secondo Senofane gli uomini hanno creato gli dei dando loro le caratteristiche che avrebbero desiderato per se stessi; il filosofo era tuttavia convinto dell'esistenza di un Dio che tutto muove (simile per certi versi all'essere parmenideo). Per quanto riguarda la conoscenza Senofane era convinto che essa fosse solo probabile mentre la verità assoluta non conoscibile.

  • Circa 515 - 445
    Parmenide di Elea - Deciso sostenitore dell'unità ed immobilità dell'essere viene da molti ritenuto il fondatore dell'ontologia ("che è e che non è possibile che non sia; l'altra che non è e che è necessario che non sia"). Egli considerava l'Essere ingenerato, incorruttibile, omogeneo, immobile, intemporale, indivisibile e continuo, senza fine (ovvero senza mancanze dato che altrimenti "non sarebbe"). Alcuni studiosi lo ritengono inoltre lo scopritore del Principio di non contraddizione (anche se nella versione da lui tramandata mancano alcuni importanti presupposti). Il sapere tramite il logos può essere raggiunto integralmente (perfetto ed eterno). Pensare ed Essere per il pensatore sono identici, l'ente è imperibile, più importante ancora il movimento è illusione.

    Documenti: Sulla natura (in italiano, testo completo)

  • Circa 490 - 430
    Zenone di Elea - Seguace di Parmenide, viene ricordato, tra le altre cose, per aver inventato il cosiddetto ragionamento per assurdo. I frammenti che ci sono giunti a suo riguardo comprendono una serie di paradossi (fondati sulla non differenziazione tra insieme discreto e insieme continuo) creati dal filosofo per difendere il maestro dalle accuse dei suoi detrattori (tra questi discorsi i più famosi sono quelli di Achille e la tartaruga e il paradosso della freccia).

  • Circa 490 - 430
    Melisso di Elea - Di questo seguace della scuola di Elea possediamo ben pochi frammenti dai quali ci giunge la sua concezione di frattura tra realtà ed essere (ad esempio il filosofo mise in evidenza la seguente contraddizione: "se l'essere fosse generato, prima sarebbe stato non essere"). Molti lo hanno ritenuto meno brillante, nelle sue considerazioni, del maestro.

Successivi

  • Circa 540 - 480
    Eraclito di Efeso
    Il fondamento del mondo è il fuoco perennemente mutabile.
    il Logos è l'Uno, che permane nelle mutazioni del divenire (Panta rei).
    Il conflitto è il padre di tutto (pater polemos): Dialettica.

I "pluralisti"

  • 499 - 428
    Anassagora
    L'anima del mondo (Nous) compone il mondo da minuscoli elementi.
    Il sole è una pietra incandescente.

  • Circa 494 - 434
    Empedocle
    L'essere è la materia e il divenire è la forza.
    Amore e odio sono le forze primordiali dei quattro elementi.

Pitagorici

  • Circa 580 - 500
    Pitagora
    Numero come principio universale, e.g. nella musica.
    La terra è una sfera.

  • Circa 500
    Alcmeone
    la mancanza di armonia causa malattia.
    Il cervello è l'organo della percezione.

  • Policleto il vecchio

  • Filolao di Crotone
    Documentò gli insegnamenti di Pitagora.

  • Circa 428 - 347
    Archita di Taranto
    Il numero è il fondamento del sapere.
    fondò la meccanica matematica.

  • Iceta di Siracusa

  • Efanto di Siracusa

Atomisti

  • Leucippo
    Fondatore dell'Atomismo.
     
  • 460 - 371
    Democrito
    La Materia è fatta di atomi indivisibili.
    Anche l'anima è atomica (Materialismo).
     
  • 360 - 320
    Anassarca
    Studente di Democrito.
    Accompagnò Alessandro magno.

Sofistica

  • Circa 490 - 411
    Protagora
    "L'uomo è la misura delle cose".
    Religione e Stato sono necessità naturali.
     
  • 480 - 411
    Antifonte
    Autore di arringhe giudiziarie.

  • Circa 480 - 380
    Gorgia
    famoso retore.

  • Circa 465 - 399
    Prodico di Ceo
    Pose l'etica al centro.

  • Circa 480 - 380
    Ippia
    lavorò alla Quadratura del cerchio.
     
  • Circa 450
    Trasimaco
    "La Giustizia è il vantaggio del più forte" (Citazione in Platone).

  • Circa 436 - 338
    Isocrate
    Direttore di una scuola di retorica.

I successivi

L'Accademia

  • 428 - 348
    Platone
    Celeberrimo filosofo, fondatore dell'Accademia, tra le opere (in forma dialogica) che ci sono giunte ricordiamo ad esempio l'"apologia di Socrate" dove Socrate si difende davanti ai giudici, "Cratilo" che tratta del linguaggio e dei problemi gnoseologici ad esso connessi, il "Teeteto" dove viene messo in discussione il relativismo protagoreo e la "Repubblica". Egli riteneva che la ricerca fosse infinita. Credeva nel mondo delle idee (o iperuranio) nel quale al di sopra di tutte le idee stava l'idea del bene. Per Platone sapere equivale ad possedere la felicità, la conoscenza è un'opinione fondata.

    Documenti: Protagora (in italiano, testo completo)

Il Liceo

  • Circa 384 - 322
    Aristotele
    Fondatore del Liceo e maestro di Alessandro Magno, Aristotele vedeva la filosofia come una scienza basata su un'etica dei valori. Tra le motivazioni per cui questo pensatore ha avuto tanto successo vi è inoltre la messa a punto della prima vera logica formale. I suoi scritti si dividono in due grandi gruppi: essoterici (quelli redatti per circolare al di fuori della suola) ed esoterici (o acroamatici) redatti unicamente per le sue lezioni interne al Liceo (questi "appunti di lezioni" risultano molto meno sistematici e chiari degli altri); le sue opere principali riguardano: la logica ("De interpretatione"), la filosofia della natura ("De caelo"), la metafisica (o meglio la "filosofia prima"), la filosofia pratica ("Etica Nicomachea") e le scienze poietiche ("Poetica e Retorica"). Come causa di tutto il movimento presente nel reale Aristotele riconosceva l'esistenza di Dio come "motore immobile" (puro atto, pensiero di pensiero), il quale, tramite un atto d'amore, muove il mondo come "l'amata muove l'innamorato". Per interpretare la realtà il pensatore si servì di dieci categorie (quantità, qualità, ). Il filosofo parlò poi, in maniera abbastanza approfondita, del sillogismo (nelle sue varianti).

    Documenti: Poetica (in italiano, testo completo)

Socratici

  • Circa 426 - 366
    Senofonte
    Storico, è la seconda fonte più importante sulla figura di Socrate.
     
  • 440 - 365
    Antistene
    Cinico, propone uno stile di vita più autentico.
     
  • 399- 323
    Diogene
    Disse ad Alessandro: "Toglimi la tua ombra."
    Probabilmente non visse affatto in una botte.
     
  • 460 - 399
    Teodoro
    Insegnante di matematica di Platone.
     
  • Euclide di Megara
     
  • Fedone di Eli
     
  • Eubulide di Mileto
     
  • Diodoro di Crono
    Dialettico.
    Anticipa lo Stoicismo.

L'Accademia

  • 408 - 339
    Speusippo
    A capo della vecchia Accademia.
    Si considera il primo autore di un'enciclopedia.
     
  • 396 - 314
    Senocrate
    Divise la Filosofia in logica, fisica ed etica.
     
  • m. 266
    Polemone d'Atene
    Formulò lo scopo di una vita secondo natura.
     
  • m. 265
    Cratete di Atene
     
  • 316 - 241
    Arcesilao
    "Scholarca" della seconda Accademia, che si agganciò alla dialettica socratica.
    Insegnò la sospensione del giudizio (principio scettico).
    Solo la probabilità è raggiungibile, il che è sufficiente per la vita.
     
  • Lachides
     
  • Telecle
     
  • Evandro
     
  • 214 - 129
    Carneade
    Fondatore della nuova Accademia.
    Dialettica come metodo.
    Verità come evidenza empirica solo con probabilità.
     
  • Circa 156
    Egesino
     
  • Circa 120 - 68
    Antioco di Ascalona
    Connessioni col platonismo, peripato e Stoa (Fondazione della fase eclettica dell'Accademia).
    maestro di Cicerone.
     
  • 116 - 27
    Marco Terenzio Varrone
    Autore di un'estesa letteratura.
    Enciclopedia in nove libri.

CONTINUA NELLA COLONNA A FIANCO >>
 


Il Peripato

  • 371 - 287
    Teofrasto
    Seguace di Aristotele.
    Enfasi sulla causa efficiens (causalità naturale) invece della causa finalis (teleologia).
     
  • Eudememo
     
  • Circa 350
    Aristosseno
    Sviluppò una teoria musicale basata sulle sensazioni.
     
  • Dicaiarco
     
  • Critolao
     
  • 310 - 230
    Aristarco di Samo
    Sviluppò un modello eliocentrico.
    considerava il sole come una stella fissa.
     
  • 340 - 269
    Stratone di Lampsaco
    Scolarca
    Interpretazione materialista di Aristotele.
    La forza efficiente della forma è nella materia stessa.

Gli epicurei

  • 341 - 270
    Epicuro
    Radunava i suoi discepoli in un giardino (Kepos).
    Concezione materialista (atomista).
    La felicità è piacere con misura (quindi non edonismo).

    Documenti: Lettera a Meneceo (in italiano, testo completo)
     
  • Metodore
     
  • 99 - 55
    Lucrezio
    Poeta e autore filosofico. Si rifà ad Epicuro. Stoà.

    Documenti: De rerum natura (in italiano, testo completo)
     
  • 336 - 264
    Zenone di Cizio
    Pose la logica al primo posto, per evitare errori.
    Sensazioni sono "impressioni" di oggetti singoli nell'anima (Nominalismo).
    Con la teoria della "Catalessi" (Evidenza) come fondatore della Stoà.
     
  • 331- 251
    Cleante
    Come ex-lottatore si guadagnava da vivere come manovale.
    Agire virtuosamente è possibile solo grazie alla conoscenza della realtà.
    Si diresse contro i naturalisti Democrito e Aristarco.
     
  • 276 - 204
    Crisippo
    Con 705 libri stabilì le fondamenta della Stoà.
    I concetti sono generalizzazioni degli oggetti nella percezione.
    Formulò l'ideale stoico della libertà da affetti.

  • Circa 240 - 150
    Diogene da Babilonia
    Teoria dello scopo della vita (Telos) e dei fondamenti etici.
    Nella dialettica creò una teoria del significato (Semiotica) Stoica.
     
  • 201 - 120
    Polibio
    Scrisse una storia universale in 40 libri.
    Sviluppò una teoria ciclica delle civilizzazioni.
     
  • Antipatro di Tarso
    Difese la Stoà da Carneade.
     
  • Nato ca. 180
    Panezio
    Scrisse un'opera (perduta) sul dovere.
     
  • 135 - 51
    Posidonio
    Gli affetti vengono causati dalle parti irrazionali dell'anima.
     
  • 106 - 43
    Cicerone
    Politico, Avvocato, Retore.
    Rappresentò insegnamenti della Stoà e della Nuova Accademia.
    È l'ispiratore dell'Umanesimo.
     
  • 4 a.C. - 65
    Seneca
    Autore che si occupò anche di questioni pratiche dell'etica.

    Documenti: De brevitate vitae (in italiano, testo completo)
     
  • 50 - 138
    Epitteto
    Scrisse un manuale di morale.
    "Non i fatti preoccupano le persone, ma la loro visione dei fatti".
     
  • 121 - 180
    Marco Aurelio
    Con i suoi "Dialoghi a se stesso" stabilì le sue proprie linee di condotta per agire in pratica.

Scetticismo

  • 360 - 270
    Pirrone
    Fondatore dello scetticismo.
    La verità non può essere stabilità nè dalla percezione dei sensi, nè dal giudizio.
     
  • 320 - 230
    Timone di Fleio
    Scrisse veri derisori sui Dogmatici.
     
  • I secolo a.C.
    Enesidemo
    Riteneva necessaria la sospensione del giudizio (Epoche).
     
  • 87 - 150
    Tolomeo
    Sviluppò il sistema geocentrico, influente nel medioevo.
    Scrisse una grande opera sulla matematica e astronomia.
     
  • 122 - 199
    Galeno
    Scrisse un'eccellente manuale di medicina.
     
  • 200 - 250
    Sesto Empirico
    Scritti contro la sillogistica e la religione.
     
  • um 220
    Diogene Laerzio
    Scrisse una storia greca della filosofia in 10 libri.

Neoplatonismo

  • Circa 45 - 125
    Plutarco
    Estesi scritti sull'etica.
    23 biografie ("le vite parallele") contrapponendo sempre due personaggi, uno greco ed uno romano.
     
  • Circa 150 - 200
    Celso
    Critico del cristianesimo.
     
  • Circa 180 - 242
    Ammonio Sacca
    Fondatore della corrente religiosa nel neoplatonismo.
    Maestro di Plotino.
     
  • Circa 205 - 270
    Plotino
    Ricerche sulla filosofia dei Persiani ed Indiani.
    Le sue "Enneadi" furono scritte da Porfirio.
    L'Uno indescrivibile e le sue emanazioni.

  • Circa 234 - 304
    Porfirio
    Deciso avversario del cristianesimo.
    Scrisse un'introduzione sistematica alla teoria delle categorie di Aristotele ("Isagoghe").
    Fonte del problema degli Universali.

  • Circa 250 - 330
    Giamblico
    Estese la teoria delle emanazioni di Plotino.
     
  • Giuliano l'apostata
     
  • Circa 350 - 400
    Marziano Capella
    Definì il canone delle Sette arti.
    Trivio: Grammatica, Retorica, Logica.
    Quadrivio: Aritmetica, Geometria, Musica, Astronomia.
     
  • 410 - 485
    Proclo
    Capo dell'Accademia.
    Importante fonte per la scolastica ed i rinascimento.
     
  • 6to secolo
    Simplicio
    Emigrò in Persia dopo la chiusura dell'Accademia.
    Scrisse commentari su Aristotele.

Gli alessandrini

  • Filone di Alessandria
     
  • 150 - 215
    Cleante
    Le teorie vere si raggiungono tramite la fede basata sulla conoscenza.
    Dio è invisibile e impronunciabile.
     
  • 185 - 253
    Origene
    Spiegazione allegorica della bibbia.
    La filosofia ha il compito di comprendere le scritture.

 Filosofia medievale (100 - 1400)
PARTE PRIMA PARTE SECONDA

Patristica
  • Circa 150
    Erma
    Scrisse contro la filosofia.
     
  • Morto nel 107
    Ignazio
     
  • 69 - 155
    Policarpo

Eretici e Gnosi

  • Circa 125
    Basilide
    L'anima è uno straniero smarrito sulla terra.
    La sfera di Dio si raggiunge staccandosi da tutte le cose terrene.
     
  • Circa 150
    Valenzio
     
  • Marcione di Sinope
     
  • 216 - 276
    Mani
    Religione persiana del Manicheismo.
    Salvezza grazie alla vittoria della luce sulle tenebre.

Apologeti

  • 100 - 163
    Giustino il martire
    La Filosofia conduce a Dio, ma le domande fondamentali trovano risposta solo nelle scritture.
     
  • 130 - 190
    Atenagora
    Lettera di implorazione per i cristiani all'imperatore Marco Aurelio.
     
  • Taziano
    Discorso ai Greci.
     
  • 120 - 200
    Ireneo
    Come vescovo di Lione si oppose agli eretici.
    Considerato il fondatore della "dogmaticità" della Chiesa.
     
  • 160 - 225
    Tertulliano
    Come primo scrisse in latino è creò importanti concetti del latino ecclesiastico.
    La filosofia ha solo il compito di complementare la dottrina della Chiesa.
     
  • 200 - 258
    Cipriano
    Battesimo dei bambini.
    Sviluppò la dottrina della fede come pietà di Dio.

Sistematizzazioni Teologiche

  • 260 - 337
    Ario di Alessandria
    Contrastò la trinità divina.
    Punto di partenza dell'Arianesimo.
     
  • 298 - 373
    Atanasio
    Sosteneva la trinità.
    Oppositore di Ario.
     
  • 260 - 337
    Eusebio di Cesarea
    Grazie alle sue croniche vale come fondatore della storia ecclesiastica.
     
  • 315 - 367
    Ilario di Poitiers
    Importante rappresentante del trinitarismo.
     
  • 335 - 394
    Gregorio di Nissa
    Padre della Chiesa per la Chiesa ortodossa.
    Insegnava l'infinità e i tre aspetti (Dreifaltigkeit) di Dio.
     
  • 340 - 397
    Ambrogio di Milano
    Trinitario moderato, convertì Agostino.
     
  • 354 - 430
    Agostino
    Creò la teologia di fondo per quasi 1000 anni di storia.
    Teoria della predestinazione: perdono per il peccato originale e salvezza per Grazia di Dio.
    Nella "Città di Dio" propose la separazione di Stato e Chiesa.
    Filosofia del tempo e del dubbio.

    Documenti: Scheda del filosofo - La regola (in italiano, testo completo)
     
  • 480 - 524
    Severino Boezio
    Trattò il problema degli universali nei commentari a Proclo.
    Prima della sua esecuzione scrisse la "Consolazione della Filosofia".
     
  • Circa 500
    Pseudo-Dionigi (autore sconosciuto)
    Tutto il visibile è solo una sembianza dell'invisibile.
    L'ascensione all'Uno attraverso la purificazione, illuminazione e contemplazione.

Scolastica

  • 636
    San Isidoro di Siviglia
    Scrisse un'enciclopedia chiamata Etymologiae.
     
  • 662
    Massimo Confessore
    Commentò Agostino e Boezio.
     
  • 675 - 750
    Giovanni di Damasco
    Teologo Bizantino.
     
  • 730 - 804
    Alcuino
    Diresse la scuola alla corte di Carlomagno (Rinascimento Carolingio).
    Rese le "Sette arti liberali" (artes liberales) materia obbligatoria nell'istruzione.
     
  • 780 - 856
    Hrabano Mauro
    Scrisse l'enciclopedia "de universo".
     
  • 810 - 877
    Giovanni Scoto Eriugena
    Filosofo naturale Irlandese che sottolineò il ruolo della ragione.
    Sistema filosofico con Dio come causa e scopo finale di tutto l'esistente.
    Riprese la dottrina dell'emanazione da Plotino e rifiutò la predestinazione Agostiniana.

    um 950 - 1022
    Notker Teutonicus
    Il primo commentatore di Aristotele nel medioevo.
     
  • 1088
    Berengario
    Argomentò che l'uomo fosse creato in immagine di Dio nella sua razionalità.
     
  • 1005 - 1089
    Lanfranco
    Nel conflitto sull'Ultima Cena preferiva seguire l'auctoritas, non la ragione.
     
  • 1006 - 1072
    San Pier Damiani
    Si oppose all'immoralità del clero romano.
    Coniò il motto della filosofia come ancella della teologia.
     
  • 1033 - 1109
    Anselmo di Canterbury
    Applicò la dialettica come metodo alla teologia cristiana.
    Introdusse la prova ontologica di Dio.
    Confessò con Agostino "Credo, ut intelligam" (Credo, per poter comprendere).
     
  • 1090 - 1160
    Adelardo di Bath
    Durante gli studi in Spagna riconobbe la superiorità delle scienze arabe
    Tradusse testi arabi e divulgò le loro conoscenze in matematica, medicina e astronomia.
     
  • 1080 - 1145
    Gilberto di Poitiers
    Rappresentante del realismo nella diatriba degli universali.
    Distinse concettualmente "Dio" e "Divinità" come anche "individualità" e "singolarità".
     
  • 1050 - 1120
    Roscellino
    Nominalista radicale, dedusse una posizione triteista dal nominalismo.
     
  • 1121
    Guglielmo di Champeau
    Realista nella diatriba degli universali che si affermò contro Roscellino.
     
  • 1097 - 1147
    Hugo von Sankt Victor
     
  • 1079 - 1142
    Pietro Abelardo
     
  • 1100 - 1160
    Petrus Lombardus
     
  • 1151
    Thierry von Chartres
     
  • 1150
    Wilhelm von Conches
     
  • 1115 - 1180
    Johannes von Salisbury
     
  • 1120 - 1202
    Alanus ab Insulis

CONTINUA NELLA COLONNA A FIANCO >>
 


Filosofia araba ed ebraica

  • 870 - 950
    Al Farabi
     
  • 980 - 1037
    Avicenna
     
  • 1020 - 1068
    Gabirol
     
  • 1126 - 1198
    Averroè
     
  • 1135 - 1204
    Maimonides
     
  • 1288 - 1344
    Levi ben Gerson
    Averroista.

-

  • 1170 - 1253
    Robert Großeteste
     
  • 1170 - 1245
    Alexander von Hales
     
  • 1221 - 1274
    Bonaventure
     
  • 1200 - 1280
    Albertus Magnus
     
  • 1225 - 1274
    Tommaso D'Aquino
     
  • 1284
    Siger von Brabant
    Averroista.
     
  • 1286
    Boezio di Dacia
     
  • 1214 - 1294
    Roger Bacon
     
  • 1226 - 1277
    Petrus Hispanus
     
  • 1217 - 1293
    Heinrich von Gent
     
  • 1243 - 1316
    Aegidius von Rom
     
  • 1266 - 1308
    Duns Scoto
     
  • 1250 - 1320
    Dietrich von Freiberg
     
  • 1280 - 1347
    Guglielmo d'Ockham
     
  • 1232 - 1316
    Raimundus Lullus
    Averroista.
     
  • 1316 - 1390
    Albert von Sachsen
     
  • 1330 - 1382
    Nikolaus von Oresme
     
  • 1335 - 1396
    Marsilius von Inghen
     
  • 1330
    Nikolaus von Autrecourt
     
  • 1300 - 1358
    Johannes Buridan
     
  • 1340 - 1520
    Pierre d'Ailly
     
  • 1090 - 1153
    Bernhard von Clairvaux
     
  • 1098 - 1179
    Hildegard von Bingen
     
  • 1206
    Almarich von Bène
     
  • 1135 - 1202
    Joachim von Fiore
     
  • 1260 - 1328
    Meister Eckart
     
  • 1295 - 1366
    Heinrich Seuse
     
  • 1300 - 1366
    Johann Tauler

 Umanesimo e Rinascimento (1400 - 1600)
PARTE PRIMA PARTE SECONDA

Filosofi legati alla poesia e all'arte
  • 1265 - 1321
    Dante Alighieri

    Documenti: Poetica (in italiano, testo completo)
     
  • 1305 - 1374
    Petrarca
    Contro la Scolastica e l'Aristotelismo.
     
  • 1313 - 1375
    Boccaccio
    Fondatore del romanzo in Italia.
     
  • 1452 - 1519
    Leonardo da Vinci
    Artista, architetto, tecnico e inventore.
     
  • 1475 - 1564
    Michelangelo Buonarroti
    Pittore e scultore.

Umanesimo

  • 1369 - 1444
    Leonardo Bruni
    Cancelliere repubblicano a Firenze.
     
  • 1444 - 1485
    Rodolfo Agricola
    Scrisse sul metodo del pensiero dialettico.
     
  • 1455 - 1522
    Johannes Reuchlin
     
  • 1454 - 1494
    Angelo Poliziano
    Insegnò letteratura greca e latina a Firenze.
     
  • 1459 - 1508
    Corrado Celtis
    Poeta, cartografo e storiografo.
     
  • 1461 - 1535
    Ulrich Zasius
    Rappresentante di una giurisprudenza umanistica.
     
  • 1466 - 1536
    Erasmo da Rotterdam
    A favore della tolleranza religiosa; era contro il nazionalismo e la guerra.
     
  • 1497 - 1560
    Filippo Melanchton
    Combinò le idee della Riforma con la filosofia di Aristotele.
     
  • 1517 - 1572
    Petrus Ramus
    Voleva sviluppare una nuova struttura logica.

Filosofi veri e propri

  • 1355 - 1450
    Georgios Gemistos Plethon
    Proveniente da Bisanzio, tradusse Platone e cercò di convincere i Medici a rifondare l'Accademia.
     
  • 1403 - 1472
    Giovanni Bessarione
    Bizantino e Platonico, fondò un'importante biblioteca.
     
  • 1433 - 1499
    Marsilio Ficino
    Primo direttore della nuova accademia a Firenze.
     
  • 1463 - 1494
    Pico della Mirandola
    Difensore della dignità dell'uomo.
     
  • 1462 - 1524
    Pietro Pomponazzi
    Rifiutò l'immortalità dell'anima.
     
  • 1401 - 1464
    Nicola Cusano
    La matematizzazione degli oggetti dell'esperienza, sono solo interpretazioni umane.
    Dio è l'unità dell'infinità spazio/temporale. Gli opposti coincidono nella ragione.
     
  • 1407 - 1457
    Lorenzo Valla
    Ricerche sulla libera volontà, era a favore di una valutazione positiva del piacere.
     
  • 1533 - 1617
    Giovanni Botero
    Scrive "Della ragion di Stato", locuzione che avrà molta fortuna per indicare che quel bene dello stato al di sopra delle dinastie e della religione. Afferma l'autonomia della politica ma tenta di recuperare anche il valore della religione.
     
  • 1553 - 1592
    Michel de Montaigne
    Formulò il suo scetticismo in Essays.

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1483-1540
    Francesco Guicciardini
    Formulò un pensiero molto simile a quello di Machiavelli ma puntando maggiormente l'attenzione al particulare.

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1541 - 1603
    Pierre Charon
    Scrisse sulla filosofia morale.
     
  • 1394 - 1476
    John Fortescue
    L'autorità del re dipende dal consenso pubblico, non da Dio.
     
  • 1469 - 1527
    Niccolò Machiavelli
    Il dominio politico è da giudicare in termini di utilità non di morale.
    I tre scopi della repubblica sono: la libertà dei cittadini, la grandezza e il benessere comune.

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1478 - 1535
    Tommaso Moro
    Scrisse un Utopia sul miglior modo per dare forma alle istituzioni pubbliche, senza proprietà privata, con istruzione per tutti e libertà di religione.
     
  • 1530 - 1596
    Jean Bodin
    Scrive la Repubblica in seguito alla strage di S. Bartolomeo, propone come unica soluzione per pacificare la Francia, in una terribile situazione di incertezza e terrore, un monarca assoluto, ereditario e al di sopra della legge.
     
  • 1506 - 1582
    George Buchanan
    La sovranità del popolo implica diritto alla disobbedienza civile.
     
  • 1557 - 1638
    Johannes Althusius
     
  • 1548 - 1617
    Francisco Suarez
     
  • 1575 - 1624
    Jakob Böhme
     
  • 1583 - 1645
    Hugo Grotius

CONTINUA NELLA COLONNA A FIANCO >>
 


La Riforma protestante

  • 1330 - 1384
    John Wyclif
     
  • 1369 - 1415
    Jan Hus
     
  • 1483 - 1556
    Martin Lutero
     
  • 1484 - 1531
    Ulrich Zwingli
     
  • 1509 - 1564
    Johannes Calvin
     
  • 1499 - 11560
    Johannes a Lasco 

-

  • 1473 - 1543
    Nikolaus Kopernikus
     
  • 1493 - 1541
    Paracelsus
     
  • 1501 - 1576
    Girolamo Cardano
     
  • 1509 - 1588
    Bernardo Telesio
     
  • 1529 - 1597
    Francesco Patrizi
     
  • 1568 - 1639
    Tommaso Campanella
    Razionalista religioso, scrive "La città del sole", opera che descrive un'utopia di un regno teocratico, guidato da sacerdoti, intellettuali e filosofi dove non esiste la proprietà privata. Tenterà di realizzare questo regno fallimentarmente, attirandosi le ire del papato, potrà salvarsi dall'Inquisizione fingendosi pazzo e per la sua buona nomea di mago.
     
  • 1548 - 1600
    Giordano Bruno
     
  • 1564 - 1642
    Galileo Galilei

  • 1571 - 1630
    Johannes Kepler
     
  • 1592 - 1655
    Pierre Gassendi

 Età moderna (1600 - 1800)
PARTE PRIMA PARTE SECONDA

Empirismo
  • 1561 - 1626
    Francis Bacon
    La sua opera più famosa è "La nuova Atlantide", utopia tecnologica dove dominano i sapienti (sciri est posse), arriva a parlare di biotecnologia e manipolazione genetica.

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1588 - 1679
    Thomas Hobbes
    Empirista radicale che teorizza uno stato guidato da un Leviatano, un monarca al quale si cedono tutte le proprie libertà in favore per uscire dallo stato di natura. È un contrattualista, nominalista, materialista, meccanicista, riduzionista e determinista.
     
  • 1632 - 1704
    John Locke
     
  • 1685 - 1753
    George Berkeley
     
  • 1694 - 1746
    Francis Hutcheson
     
  • 1711 - 1776
    David Hume
     
  • 1723 - 1790
    Adam Smith

Razionalismo

  • 1596 - 1650
    Cartesio (René Descartes)
    Matematico e filosofo, ha una concezione razionalistica della conoscenza verso ogni aspetto del sapere; il suo è un pensiero radicato sul potere della scienza (vicino in questo senso a Francesco Bacone).

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1623 - 1662
    Blaise Pascal
    Filosofo e scienziato cristiano sostiene che la scienza è uno strumento potente ma che non può spiegare le cose più alte, per le quali è necessaria l'esprit de finesse. Formula una scommessa su Dio, vantaggiosa sia in caso di vittoria che di sconfitta.

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1632 - 1677
    Baruch Spinoza
     
  • 1646 - 1716
    Leibniz

Occasionalismo

  • 1625 - 1699
    Arnold Geulincx
     
  • 1638 - 1715
    Nicolas Malebranche

-

  • 1533 - 1592
    Michel de Montaigne
     
  • 1668 - 1744
    Giambattista Vico

L'illuminismo in Francia

  • 1647 - 1706
    Pierre Bayle
     
  • 1689 - 1755
    Montesquieu
     
  • 1694 - 1778
    Voltaire
     
  • 1712 - 1778
    Rousseau
     
  • 1713 - 1784
    Denis Diderot
     
  • 1717 - 1783
    d'Alembert
     
  • 1709 - 1751
    La Mettrie
     
  • 1715 - 1771
    Helvétius
     
  • 1698 - 1759
    Maupertius
     
  • 1715 - 1780
    Condillac
     
  • 1723 - 1789
    Holbach
     
  • 1735 - 1820
    Jean Baptist Robinet
     
  • 1743 - 1794
    Condorcet

CONTINUA NELLA COLONNA A FIANCO >>
 


L'illuminismo in Inghilterra

  • 1678 - 1751
    Lord Bolingbroke
     
  • 1671 - 1713
    Lord Shaftsbury
     
  • 1728 - 1777
    Thomas Reid
     
  • 1737 - 1797
    Gibbon
     
  • 1721 - 1793
    Robertson
     
  • 1729 - 1797
    Edmund Burke
     
  • 1723 - 1816
    Ferguson

L'illuminismo in Germania

  • 1679 - 1754
    Christian Wolff
     
  • 1700 - 1766
    Johann Christoph Gottsched
     
  • 1712 - 177
    Christian August Crusius
     
  • 1714 - 1762
    Baumgarten
     
  • 1729 - 1781
    Lessing
     
  • 1729 - 1786
    Moses Mendelssohn
     
  • 1728 - 1777
    Johann Heinrich Lambert
     
  • 1742 - 1798
    Christian Garve
     
  • 1736 - 1805
    Johann Nicolaus Tetens
     
  • 1728 - 1777
    Johann Heinrich Lambert
     
  • 1724 - 1804
    Immanuel Kant

 XIX secolo
PARTE PRIMA PARTE SECONDA


Romanticismo

  • 1730 - 1788
    Johann Georg Hamann
     
  • 1744 - 1803
    Johann Gottfried Herder
     
  • 1743 - 1819
    Friedrich Heinrich Jacobi
     
  • 1772 - 1829
    Friedrich Schlegel
     
  • 1768 - 1834
    Schleiermacher

L'Idealismo tedesco

Positivismo e Naturalismo

  • 1798 - 1857
    Auguste Comte
     
  • Jeremy Bentham
     
  • 1806 - 1873
    John Stuart Mill
     
  • 1820 - 1903
    Herbert Spencer
     
  • 1773 - 1843
    Jakob Friedrich Fries
     
  • 1776 - 1841
    Johann Friedrich Herbart
     
  • 1781 - 1848
    Bernhard Bolzano
     
  • 1838 - 1916
    Ernst Mach
     
  • 1843 - 1896
    Richard Avenarius
     
  • 1834 - 1919
    Ernst Haeckel
     
  • 1817 - 1881
    Rudolf Hermann Lotze

Materialismo

  • 1804 - 1872
    Ludwig Feuerbach

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1806 - 1856
    Max Stirner
     
  • 1818 - 1883
    Karl Marx
     
  • 1820 - 1895
    Friedrich Engels
     
  • 1822 - 1893
    Jakob Moleschott
     
  • 1824 - 1899
    Ludwig Büchner

Filosofi indipendenti

  • 1767 - 1835
    Wilhelm von Humboldt
     
  • 1788 - 1860
    Arthur Schopenhauer
     
  • 1813 - 1855
    Sören Kierkegaard

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1844 - 1900
    Friedrich Nietzsche

-

  • 1814 - 1908
    Eduard Zeller
     
  • 1814 - 1912
    Otto Liebmann
     
  • 1828 - 1878
    Friedrich Albert Lange
     
  • 1842 - 1918
    Hermann Cohen
     
  • 1854 - 1824
    Paul Natorp
     
  • 1860 - 1828
    Karl Vorländer
     
  • Rudolf Stammler
     
  • x1848- 1915
    Wilhelm Windelband
     
  • 1863 - 1936
    Heinrich Rickert
     
  • 1875 - 1915
    Emil Lask
     
  • Bruno Bauch
     
  • Jonas Cohn
     
  • Robert Reiniger
     
  • 1874 - 1945
    Ernst Cassirer
     
  • Alois Riehl
     
  • 1875 - 1947
    Richard Hönigswald
     
  • 1852 - 1933
    Hans Vaihinger

CONTINUA NELLA COLONNA A FIANCO >>
 


Psicologismo

  • 1801 - 1887
    Gustav Theodor Fechner
     
  • 1832 - 1920
    Wilhelm Wundt
     
  • 1798 - 1854
    Friedrich Eduard Beneke
     
  • Theodor Lipps
     
  • 1842 - 1906
    Eduard von Hartmann
     
  • 1838 - 1917
    Franz Brentano
     
  • 1853 - 1920
    Alexius von Meinong

Pragmatismo

  • 1839 - 1914
    Charles Sanders Peirce
     
  • 1842 - 1910
    William James
     
  • 1859 - 1952
    John Dewey
     
  • 1863 - 1931
    George Herbert Mead
     
  • 1864 - 1937
    Ferdinand Canning Scott Schiller

Esistenzialismo

  • 1833 - 1911
    Wilhelm Dilthey
     
  • 1849 - 1951
    Henri Bergson
     
  • 1867 - 1941
    Hans Driesch
     
  • 1872 - 1956
    Ludwig Klages
     
  • 1858 - 1918
    Georg Simmel

 XX secolo
PARTE PRIMA PARTE SECONDA

Scienziati
  • 1858 - 1947
    Max Planck
     
  • 1879 - 1955
    Albert Einstein
     
  • 1901 - 1976
    Werner Heisenberg
     
  • 1885 - 1962
    Niels Bohr
     
  • 1887 - 1961
    Erwin Schrödinger
     
  • 1900 - 1958
    Wolfgang Pauli
     
  • 1912
    Carl Friedrich von Weizsäcker
     
  • 1856 - 1939
    Sigmund Freud
     
  • 1870 - 1937
    Alfred Adler
     
  • 1875 - 1961
    Carl Gustav Jung
     
  • 1875 - 1965
    Albert Schweitzer
     
  • 1879 - 1963
    Karl Bühler
     
  • 1929
    Percy William Bridgman
     
  • 1882 - 1961
    Norbert Wiener

Critici della cultura e della storia

  • 1880 - 1936
    Oswald Spengler
     
  • 1883 - 1953
    José Ortega y Gasset
     
  • 1856 - 1915
    Karl Lamprecht
     
  • 1880 - 1962
    Theodor Litt
     
  • 1889 - 1975
    Arnold J. Toynbee
     
  • 1882 - 1963
    Eduard Spranger
     
  • 1892 - 1964
    Alexandre Koyre
     
  • 1903 - 1974
    Joachim Ritter
     
  • 1920 - 1996
    Hans Blumenberg
     
  • 1926
    Hermann Lübbe
     
  • 1928
    Odo Marquard
     
  • 1927
    Robert Spaemann

La fenomenologia

  • 1859 - 1938
    Edmund Husserl
    Scientificità della filosofia e della logica contro il psicologismo.
    Attraverso il metodo della riduzione fenomenologica si può giungere all'essenza.
     
  • 1891 - 1942
    Edith Stein
    Monaca cattolica di origine ebraica uccisa nel campo di concentramento di Auschwitz.
    Fondazione filosofica della psicologia.
     
  • 1902 - 1991
    Ludwig Landgrebe
    Filosofia trascendentale della storia fondata in maniera "fenomenologica".
     
  • 1893 - 1970
    Roman Ingarden
    Fenomenologia nell'arte.
     
  • 1899 - 1959
    Alfred Schütz
    Sociologia fenomenologica.
     
  • 1883 - 1917
    Adolf Reinach
    Fenomenologia del diritto.
    Nella filosofia del linguaggio sviluppò una teoria degli atti linguistici.
     
  • 1888 - 1966
    Hedwig Conrad-Martius
    Effettuò ricerche sul problema della "realtà".
     
  • 1870 - 1941
    Alexander Pfänder
    L'uomo come trinità di corpo, anima e spirito.
     
  • 1903 - 1991
    Otto Friedrich Bollnow
    Unì la fenomenologia all'esistenzialismo, ermeneutica e pedagogia.
     
  • 1889 - 1964
    Oskar Becker
    Fenomenologia della geometria.
     
  • 1906 - 1995
    Levinas
    Critica dell'ontologia.
    Opposizione alla totalità.
     
  • 1908 - 1961
    Maurice Merleau-Ponty
    Fenomenologia del corpo e della percezione.
     
  • 1923 - 2004
    Heinrich Rombach
    Sviluppò un'ontologia strutturale.

Il realismo critico

  • 1862 - 1915
    Oswald Külpe
     
  • 1882 - 1950
    Nicolai Hartmann
     
  • 1863 - 1952
    George Santayana
     
  • 1888 - 1967
    Aloys Wenzl

Antropologia filosofica

  • 1864 - 1944
    Jakob Johann von Uexküll
     
  • 1874 - 1928
    Max Scheler
     
  • 1892 - 1985
    Helmuth Plessner
     
  • 1904 - 1976
    Arnold Gehlen
     
  • 1888-1965
    Erich Rothacker
     
  • 1928
    Helmut Fahrenbach
     
  • 1943
    Karl-Siegbert Rehberg

L'esistenzialismo

  • 1889 - 1976
    Martin Heidegger


     
  • 1905 - 1980
    Jean-Paul Sartre
     
  • 1913 - 1960
    Albert Camus
     
  • 1883 - 1969
    Karl Jaspers
     
  • 1889 - 1941
    Hans Lipps
     
  • 1897 - 1973
    Karl Löwith

La filosofia sociale

  • 1864 - 1920
    Max Weber
     
  • 1927 – 1998
    Niklas Luhmann
     
  • 1897 - 1990
    Norbert Elias
     
  • 1900 - 1980
    Erich Fromm
Empirismo logico
  • 1882 - 1936
    Moritz Schlick
    Fisico e teorico della scienza.
    Fondatore del celebre Circolo di Vienna.
     
  • 1896 - 1959
    Friedrich Waismann
    Scrisse opere sulla logica e la filosofia del linguaggio.
     
  • 1902 - 1988
    Herbert Feigl
     
  • 1882 - 1945
    Otto Neurath
    Co-autore del manifesto "Per una concezione scientifica del mondo".
     
  • 1880 - 1975
    Victor Kraft
     
  • 1902 - 1985
    Karl Menger
     
  • 1906 - 1978
    Kurt Gödel
    Scrisse i teoremi di incompletezza di Gödel.
    Una teoria assiomatica non può dimostrare la propria consistenza.
     
  • 1879 - 1934
    Hans Hahn
     
  • 1884 - 1966
    Philipp Frank
     
  • 1895 - 1945
    Felix Kaufmann
     
  • 1891 - 1970
    Rudolf Carnap
    Analisi logica del linguaggio della scienza.
    Problemi illusori della filosofia (Metafisica).
    Logica modale e induzione basata sul calcolo delle probablilità.
     
  • 1916 - 2003
    Georg Henrik von Wright
    Sviluppo di una logica deontica dalla logica modale.
    Rappresentante norvegese dal Circolo di Vienna.
     
  • 1910 - 1989
    Alfred Jules Ayer
    Autore di Language, Truth and Logic (Linguaggio, verità e logica)
    Rappresentante Britannico del Circolo di Vienna
     
  • 1891 - 1953
    Hans Reichenbach
    La verità non può essere dedotta dall'osservazione/percezione
    la conoscenza consiste in conclusioni basate sulla probabilità
     
  • 1905 - 1997
    Carl Gustav Hempel
    Schema di Hempel–Oppenheim.
    Una spiegazione è data quando sono soddisfatte certe condizioni di adeguatezza.

Filosofia analitica e del linguaggio

  • 1848 - 1925
    Gottlob Frege
    Opere Begriffsschrift e Über Sinn und Bedeutung
    Fondamenti della nuova logica
     
  • 1873 - 1958
    George Edward Moore
    Fallacia naturalistica
    Metodo analitico alle basi del senso comune.
     
  • 1872 - 1970
    Bertrand Russell
    Fondazione della matematica sulla logica.
    Paradosso di Russell nell'insiemistica.
    Atomismo logico nella filosofia della lingua.
     
  • 1861 - 1947
    Alfred North Whitehead
    Scrisse i "Principia Mathematica" con Russell.
    Metafisica per processi e realtà.
     
  • 1887 - 1971
    Charles Dunbar Broad
    Teoria dell'emergere.
     
  • 1889 - 1951
    Ludwig Wittgenstein
    Analisi della lingua per chiarire confusioni, imparare a pensare.
    "Giochi linguistici" e famiglie di linguaggi.
     
  • 1900 - 1976
    Gilbert Ryle
    Mito del "Ghost in the Machine" (lo spirito nella macchina).
    Errore di categoria uguale concetto errato nel contesto.
     
  • 1911 - 1960
    John Langshaw Austin
    Teoria degli atti linguistici.
    "Locuzione" uguale espressione; "illocuzione" uguale funzione dell'espressione; "perlocuzione" uguale conseguenza dell'espressione.
     
  • 1919 - 2002
    Richard Mervin Hare
    La lingua della morale è soprattutto prescrittiva.
     
  • 1919
    Peter Frederick Strawson
    I singoli oggetti determinabili nello spazio/tempo sono reali.
    Il porre stati di cose astratti equivalenti alla realtà è metafisica.
    Le teorie con il maggior successo sopravvivono.
     
  • 1908 - 2000
    Willard Van Orman Quine
    Una teoria può essere confutata solo nella sua totalità (Olismo).
    Ogni elemento dell'osservazione e ogni espressione sono carichi di teoria.
    Empirismo stretto e esigenza di naturalismo uguale fine della filosofia.
     
  • 1932
    John Rogers Searle
    Sviluppo della teoria degli atti linguistici.
     
  • 1912 - 1989
    Wilfrid Sellars
     
  • 1917 - 2003
    Donald Davidson
    Teoria del senso/significato.
     
  • 1925
    Michael Dummett
    Limiti della teoria del significato.
     
  • 1919 - 2001
    Elizabeth Anscombe
    Filosofia femminista.
    Co-editrice delle opere di Wittgenstein.
     
  • 1932
    Fred Dretske
    Analisi del concetto di informazione.
    Nell'ambito dell'epistemologia e filosofia della mente.
     
  • 1941 - 2001
    David Lewis
    Contributi alla teoria dei "giochi".
    Filosofia della mente.
     
  • 1930
    Ernst Tugendhat
    Filosofia del linguaggio e Filosofia dell'ego.
    Etica ed antropologia.
     
  • 1941
    Eike von Savigny
    Filosofia del linguaggio.
     
  • 1939
    Peter Hacker
    Interprete di Wittgenstein.
     
  • 1944
    Peter Bieri
    Filosofia analitica del linguaggio e della mente.
     
  • 1945
    Ansgar Beckermann
    Fisicalismo uguale "Problema dei Qualia".
    Determinismo: libertà è il coincidere di pensare e volere.

CONTINUA NELLA COLONNA A FIANCO >>
 


Logicismo
  • 1858 - 1932
    Giuseppe Peano
     
  • 1862 - 1943
    David Hilbert
     
  • 1878 - 1956
    Jan Łukasiewicz
     
  • 1901 - 1983
    Alfred Tarski

Razionalismo critico

  • 1902 - 1994
    Karl Raimund Popper
     
  • 1919 - 2003
    Ernst Topitsch
     
  • 1881 - 1973
    Hans Kelsen
     
  • 1921
    Hans Albert
Filosofia Politica
  • 1869 - 1966
    Friedrich Wilhelm Foerster
     
  • 1906 - 1975
    Hannah Arendt
     
  • 1909 - 1997
    Isaiah Berlin
     
  • 1888 - 1985
    Carl Schmitt
     
  • 1902 - 1992
    Günther Anders
     
  • 1899 - 1973
    Leo Strauss
     
  • 1901 - 1985
    Eric Voegelin
     
  • 1938 - 2002
    Robert Nozick
     
  • 1946
    Wolfgang Kersting

Comunitarismo

  • 1929
    Amitai Etzioni
     
  • 1931
    Charles Taylor
     
  • 1935
    Michael Walzer

Neomarxismo e Teoria critica

  • 1873 - 1937
    Max Adler
     
  • 1891 - 1937
    Antonio Gramsci
     
  • 1885 - 1971
    Georg Lukács
     
  • 1892 - 1940
    Walter Benjamin
     
  • 1885 - 1975
    Ernst Bloch
     
  • 1895 - 1973
    Max Horkheimer
     
  • 1898 - 1879
    Herbert Marcuse

    Documenti: Scheda del filosofo
     
  • 1899 - 1990
    Alfred Sohn-Rethel
     
  • 1907 - 1995
    Leo Kofler
     
  • 1903 - 1969
    Theodor W. Adorno
     
  • 1929
    Jürgen Habermas
     
  • 1931
    Alfred Schmidt
     
  • 1934-2004
    Peter Bulthaup
     
  • 1943
    Costanzo Preve
     
  • 1949
    Axel Honneth
Filosofia Ebraica
  • 1897 - 1982
    Gershom Scholem
     
  • 1878 - 1965
    Martin Buber
     
  • 1886 - 1929
    Franz Rosenzweig

Filosofia delle Religioni

  • 1886 - 1965
    Paul Tillich
     
  • 1886 - 1968
    Karl Barth
     
  • 1884 - 1976
    Rudolf Karl Bultmann
     
  • 1904 - 1997
    Josef Pieper
     
  • 1903 - 1992
    Johann Baptist Lotz
     
  • 1885 - 1965
    Romano Guardini

Altri filosofi

  • 1900 - 2002
    Hans-Georg Gadamer
    Ermeneutica
     
  • 1921 - 2002
    John Rawls
     
  • x - y
    Karl-Otto Apel
     
  • 1946
    Peter Singer
     
  • 1947
    Peter Sloterdijk
     
  • 1953
    Norbert Bolz
     
  • 1953
    Wilhelm Schmid
     
  • 1943
    Gerhard Vollmer
     
  • 1935
    Hans Lenk
     
  • 1943
    Otfried Höffe
     
  • 1936
    Herbert Schnädelbach
Filosofia della scienza
  • 1922 - 1996
    Thomas Kuhn
    Le rivoluzioni scientifiche ed i cambi di paradigma.
     
  • 1922 - 1974
    Imre Lakatos
     
  • 1923 - 1991
    Wolfgang Stegmüller
     
  • 1941
    Bas van Fraassen
     
  • 1924 - 1994
    Paul Feyerabend
    Qualsiasi (metodo) può andare bene.
    Anarchismo epistemologico.
     
  • 1946
    Paul Hoyningen-Huene

Costruttivismo metodico

  • 1881 - 1954
    Hugo Dingler
     
  • 1915 - 1994
    Paul Lorenzen
     
  • 1905 - 1976
    Wilhelm Kamlah
     
  • 1932
    Kuno Lorenz
     
  • 1935
    Friedrich Kambartel
     
  • 1936
    Jürgen Mittelstraß
     
  • 1942
    Peter Janich
     
  • 1936
    Christian Thiel
     
  • 1941
    Oswald Schwemmer
     
  • 1964
    Dirk Hartmann
Strutturalismo e Post-strutturalismo
  • 1857 - 1913
    Ferdinand de Saussure
    Teoretico del linguaggio, il cui metodo fu trasformato in senso filosofico.
     
  • 1908
    Claude Lévi-Strauss
    Etnologo e antropologo.
    Applicò per primo lo strutturalismo.
     
  • 1901 - 1981
    Jacques Lacan
    Psicanalista.
    L'universo del soggetto consiste dell'immaginario e del simbolico.
     
  • 1918 - 1990
    Louis Althusser
    Interpretazione strutturalista di Marx
     
  • 1915 - 1980
    Roland Barthes
    Applicazione alla critica letteraria dello strutturalismo.
     
  • 1926 - 1984
    Michel Foucault
    Critica la logica del capitalismo avanzato.
    Analisi del discorso come "archeologia del sapere".
     
  • 1930 - 2004
    Jacques Derrida
    Concetto della "différance" come base della decostruzione.
     
  • 1913 - 2005
    Paul Ricoeur
    Analisi fenomenologica del linguaggio riflettendo su Heidegger.
    Filosofia storica.

Filosofia Postmoderna

  • 1925 - 1995
    Gilles Deleuze
    Il mondo come nexus delle virtualità.
     
  • 1924 - 1998
    Jean-François Lyotard
    Comunicazione come gioco con certe regole.
    Liberalismo com e sistema dei "discorsi" condannati a cooperare.
     
  • 1929
    Jean Baudrillard
    Teoria anti-mediatica.
    Tentazione del consumente.
     
  • 1942
    Giorgio Agamben
    Tramite le reazioni ai suoi avversari, la democrazia rischia di distruggere se stessa.

Neopragmatismo

  • 1906 - 1998
    Nelson Goodman
    Teoria dei simboli.
    Modi di generare il mondo.
     
  • 1931
    Richard Rorty
    Il concetto di verità può essere capito solo in relazione alla cultura.
     
  • 1950
    Robert Brandom
    Pragmatico del linguaggio.
     
  • 1926
    Hilary Putnam
    Filosofia della mente.
     
  • 1928
    Nicholas Rescher
    Pragmatismo metodologico.

Filosofia femminista

  • 1956
    Judith Butler
    Femminismo deconstruttivista
     
  • 1941
    Julia Kristeva
    Post-strutturalista

Filosofia Orientale

Filosofia buddhista

Filosofia cinese

Confucianesimo
  • Confucio
  • Mengzi
  • Xunzi

Daoismo (Taoismo)

  • Lao Tzu
  • Chuang Tzu

Moismo

  • Mozi

Legalismo

  • Han Feizi

Filosofia islamica

  • Al-Kindi
  • Al-Farabi
  • Avicenna (Ibn Sina)
  • Averroè (Ibn Rushd)
  • Al-Ghazali
  • Ibn Khaldun
 


Video collegati Visualizza i video di questa pagina
Visualizza video sull'argomento "schema".
Visualizza video sull'argomento "temporale".
Visualizza video sull'argomento "filosofia".
Visualizza video sull'argomento "schema temporale filosofia".


Dì la tua: cosa ne pensi?
Esponi il tuo punto di vista e condividilo con migliaia di persone

Oggetto nuova discussione:


Testo del messaggio:

E-Mail:

Quanto fa più dieci:




 





^ TOP  
Linkaci | Segnala errore | Invita | Stampa


pubblicità | privacy | visione | diritti | ufficio stampa | donazioni | scrivici
© 1999-2017 - P.IVA 02284690035 - Grafica, layout e contenuti sono di esclusiva proprietà di ArcadiA Club.

Powered by:
Spazi pubblicitari di alto livello
 

Compra in un click! | Cerca prodotti in offerta: